BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prelievi Bancomat: costi 2012. Confronto commissioni banche

Quanto costa effettuare prelievi bancomat e carte



Salgono i costi di mantenimento e gestione dei conti correnti in banca e sono milioni gli italiani alle prese con rincari. Se, per esempio, si decide di pagare una casa affittata con un bonifico dalla propria banca si può pagare fino a 20 euro di commissione, come nel caso di Conto Intesa di Intesa Sanpaolo; fare prelievi all’estero potrebbe costare fino 8,5 in commissioni, come prevede il conto Supergenius di Unicredit; salato anche il conto commissioni per pagare le bollette in banca e in contanti e le commissioni salgono anche per i prelievi bancomat.

Analizzando i fogli informativi dei primi sei istituti di credito, Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Ubi, Bpm, Bnl, vedi tabella, emerge che l’impatto delle commissioni bancarie sui conti delle famiglie è piuttosto elevato.

I costi più alti sono quelli delle carte prepagate e dei bonifici: per caricare il proprio denaro sulle carte si pagano in media 1,66 euro (con picchi di 3 euro, Bpm) e per ritirare i propri soldi se ne spendono altri 1,64 (con massimi di 2 euro).

I costi delle commissioni per i prelievi automatici da altre banche con bancomat o carte prepagate oscillano dai 1,9 euro di Ubi Banca, agli 1,95 euro di Bpm Flexiconto, ai 2 euro di Intesa Sanpaolo, Unicredit Supergenius e di Mps Costomeno. Per prelievi su altre banche di Paesi extra Sepa, i costi delle commissioni oscillano dai 3,1 euro di Ubi Banca, ai 3,62 euro di Bpm, ai ai 4 euro di Mps Costomeno, ai 5 euro di Intesa Sanpaolo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il