Obbligazioni, azioni e casa di proprietà: non bastano. Ci vuole fondo pensione

Andamento fondi pensione in Italia: la situazione



Si parla molto in questo ultimo periodo di pensioni integrative ed è bene che soprattutto i giovani vi dedichino particolare attenzione perchè se si immagina che le pensioni pubbliche cambieranno ancora tanto da garantire pensioni decorose al termine della vita lavorativa si sbaglia di grosso.

Meglio, dunque, rivolgersi a fondi pensioni complementari. Secondo Corriereconomia, attualmente solo il 20% dei patrimoni viene impiegato in previdenza integrativa. Alessandro Rota, a capo dell’ufficio studi di Asso-gestioni, spiega che “Gli italiani investono direttamente in titoli, utilizzando gli sportelli delle banche, quote rilevantissime delle loro ricchezze, mentre nel resto d’Europa si comprano più prodotti di risparmio gestito.

E quindi le famiglie sono sì titolari di bond e azioni ma in modo indiretto, tramite il fondo o la polizza”. In Italia gli strumenti previdenziali non hanno registrato mai nessun boom a favore dell’investimento nel mattone, settore in cui l’Italia si colloca al secondo posto nella classifica del G20 che considera gli adulti residenti con più di 100 mila dollari di patrimonio.

Meglio (58,2%) solo l’Australia. Peggio la Gran Bretagna, la Francia, la Germania, gli Stati Uniti dove il possesso della casa non viene considerato così fondamentale dal cittadino medio.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il