BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Studi di settore 2012: novità controlli per chi è congruo e inviti in base dati Unico

Novità 2012 Agenzia delle Entrate su Studi di Settore



Il Decreto Monti ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore. Le disposizioni di nuova introduzione delineano uno scenario nuovo più accettabile, in quanto ora sono previste disposizioni di favore per i contribuenti ritenuti affidabili, contemperate dalla previsione di un piano specifico di controlli per i contribuenti non in linea con il software Gerico.

L’Agenzia delle Entrate spiega che gli studi possono essere integrati sulla base degli andamenti economici già in relazione al periodo di imposta 2011, ‘accorgimenti, come riporta l’Agenzia che possono riguardare determinati settori o aree territoriali, con l'obiettivo di rendere gli studi sempre più capaci di stimare i ricavi e i compensi degli operatori’.

Altra novità è quella degli inviti alla presentazione dei modelli degli studi di settore, inviati dall'Agenzia delle Entrate ai contribuenti, che non hanno una funzione preclusiva e prevedono la possibilità di ravvedimento.

Secondo quanto riportato dall’Agenzia delle Entrate ‘si tratta di inviti finalizzati all'incremento della compliance dichiarativa, cioè all'incentivazione dei comportamenti virtuosi, senza effetti preclusivi al ravvedimento nei confronti dei destinatari.

Prevista per questi ultimi la possibilità di operare il ravvedimento dell’omessa presentazione del modello degli studi di settore, attraverso una dichiarazione integrativa in modo tale che i contribuenti potranno beneficiare delle sanzioni ridotte sanando la violazione commessa.

I soggetti che per il 2011 risultano congrui e coerenti alle risultanze degli studi di settore sono esclusi dagli accertamenti di tipo analitico-presuntivo, la determinazione sintetica del reddito complessivo è ammessa solo a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un terzo quello dichiarato, per loro il termine per l'attività di accertamento sarà ridotto di un anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il