BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Conti deposito 2012: i migliori preferiti dai clienti

I migliori conti deposito e vantaggi e rendimenti che offrono



I conti deposito nel 2011 sono stati i prodotti finanziari preferiti da molti italiani, per i buoni rendimenti offerti e perché permettono di vincolare somme di denaro per non troppo tempo, e per cui ora è previsto un taglio della ritenuta fiscale sugli interessi maturati e la tassazione sui rendimenti è scesa a partire da gennaio 2012 dal 27 al 20%.

Ora, però, anche i conti deposito saranno sottoposti alla nuova tassazione voluta dal premier Monti sui prodotti finanziari. La nuova Manovra prevede, infatti, anche per i conti deposito nuovi bolli e tasse. Si tratta della cosiddetta mini-patrimoniale, novità che arriva dal decreto sulle semplificazioni fiscali, che nella sua versione definitiva vede una correzione sulla tassa sul risparmio, estesa anche ai depositi bancari e postali e ai certificati di deposito.

L’imposta sarà calcolata sull’ammontare del deposito nel caso dei conti deposito: l'aliquota sarà dell’1 per mille per il 2012, mentre passerà all'1,5 per mille nel 2013. Inoltre, anche i conti di deposito dal primo gennaio 2012 devono pagare l'imposta di bollo dello 0,10% annuo per il 2012 (minimo 34,20 euro e massimo 1.200) e dello 0,15% dal 2013 (senza alcun tetto massimo).

In questo contesto, alcune banche continueranno a farsi carico degli aumenti previsti, ma è bene che il titolare di un conto deposito controllasse nelle condizioni del conto se l'imposta di bollo è a carico della banca o meno, per esempio tra le banche che continueranno a farsi carico dell'imposta di bollo ci sono Ibl Banca con ContosuIBL (contratto di deposito), Banca Mediolanum con InMediolanum (deposito a risparmio libero), Banca Ifis con Rendimax (deposito a risparmio libero), CheBanca con Conto deposito (deposito a risparmio), Ing Direct con Conto Arancio (deposito a risparmio libero), e Banca Sintesti con SI conto! Deposito vinc. (servizio di deposito di denaro).

Secondo il portale di comparazione Supermoney, il deposito più cercato sul web è il Conto Arancio di Ing Direct, che prevede zero costi di attivazione, chiusura e per operazioni come versamenti, prelievi, alimentazione e invio rendiconto e informativa mensile.

Il tasso creditore annuo base annoverato da Ing Direct è dell'1,50% al lordo delle ritenute di legge (per le somme non vincolate) ed è arrivato a toccare il 4,50% lordo per il capitali vincolati. Conto Arancio, inoltre, permette al cliente di ritirare i soldi quando lo ritiene più opportuno, beneficiando della liquidità entro un giorno lavorativo.

A seguire, sempre secondo Supermoney, tra i preferiti c’è il Conto Deposito dell'istituto italiano Unicredit, Moneyplus Flexi, che offre un rendimento crescente in base alla durata di un vincolo temporale: 12 mesi (prevede un tasso del 2,50% lordo), 18 mesi (3%) o 24 mesi (3,25%). L'importo minimo vincolabile con questo Conto Deposito Unicredit è di 10 mila euro e anche in questo caso non sono previsti costi di apertura e di gestione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il