BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Evasione fiscale 2012: lista controlli commercianti-scontrini. Cancellazione in Parlamento

Le liste dei contribuenti poco virtuosi: continua la lotta all’evasione fiscale



Cinque gli emendamenti presentati al decreto fiscale (uno del Pdl, uno della Lega e tre del Pd) dove si chiede di sopprimere il comma 8 dell'articolo 8 del provvedimento, che prevede la formazione di liste selettive dei commercianti segnalati per non aver emesso gli scontrini, per cancellare, cioè la lista nera dei furbetti dello scontrino.

Le proposte di modifica chiedono di sopprimere la norma che permette all'Agenzia delle Entrate di elaborare, nell'ambito dell'attività di pianificazione degli accertamenti, liste selettive di contribuenti ripetutamente segnalati per non aver emesso lo scontrino.

Passa poco tempo e il Pd fa marcia indietro, appoggiando poi la misura prevista dal governo sulle liste selettive di commercianti, segnalati per la non emissione di scontrini.

Ma non è questa l’unica lista ‘nera’ messa a punto dal governo per combattere l’evasione fiscale: accanto, infatti, ai commercianti che non emettono scontrini ci sono anche le liste selettive di contribuenti a maggior rischio di evasione, come possessori di beni come auto di lusso o yacht, ritenuti incompatibili con i redditi dichiarati, o che mostrano comportamenti anomali del contribuente, come le false compensazioni di crediti d'imposta, o l'intestazione fittizia a società di beni usati in realtà dagli azionisti o dai loro familiari.

Proprio su quest'ultimo fronte, entro il 2 aprile dovranno essere comunicati per la prima volta al fisco i beni intestati a un'azienda ma concessi ai soci, che confluiranno in un elenco specifico. E c'è poi la lista dei movimenti sui conti correnti prevista dal decreto salva-Italia, informazioni che andranno ad aggiungersi ai dati identificativi dei titolari dei rapporti e alle informazioni basilari (apertura, modifica e chiusura del rapporto), già in possesso dell'anagrafe tributaria. Si anche al bollino blu che segnala il bravo commerciante, quello cioè che è in regola con gli obblighi fiscali ed è un commerciante onesto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il