BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni esodati: decreto entro il 30 Giugno. Novità e ultime notizie da Fornero e Inps

Inps e governo a lavoro per gli esodati: proposte e novità



Il governo risolverà, attraverso un decreto che verrà emanato entro fine giugno, tutti i dubbi sul tema dei lavoratori esodati, cioè coloro che hanno lasciato il lavoro pensando di poter andare in pensione in breve tempo, ma successivamente rimasti sia senza lavoro che senza pensione a causa della riforma previdenziale. Parola del ministro Fornero.

Gli esodati sono quei lavoratori che in cambio del licenziamento volontario avrebbero ricevuto dall’azienda per cui avevano prestato lavoro un incentivo che li avrebbe accompagnati all’erogazione dell’assegno e di vivere dignitosamente fino ad allora.

Poi, la riforma delle pensioni, entrata definitivamente in vigore dopo che anche il decreto Milleproroghe è stato convertito in legge, ha cambiato le regole, facendo anche temere a questi lavoratori di rimanere senza lavoro e senza pensione. Ora gli esodati chiedono che chi abbia sottoscritto un accordo ufficiale possa accedere al trattamento pensionistico secondo i criteri precedenti, attraverso una deroga.

Saranno esonerati dalla riforma i lavoratori che abbiano chiesto di essere esonerati dal servizio e i lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto entro il 31 dicembre 2011 in ragione di accordi individuali o in applicazione di accordi collettivi di incentivo all'esodo.

Il ministro Fornero ha precisato: “Abbiamo visto che il numero di queste persone è maggiore di quello preventivato. Ora dobbiamo lavorare con criteri finanziari e ispirati all'equità per non penalizzare i più deboli”.

Anche l’Inps è al lavoro per trovare la soluzione migliore per risolvere il problema degli esodati, come ha comunicato Antonio Mastrapasqua, presidente dell'Inps. “La riforma delle pensioni ha avuto una grossa componente di coraggio. Abbiamo però dei cunei di difficoltà come per esempio gli esodati. Su questi l'istituto è impegnato a trovare soluzioni migliorative”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il