BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sussidio disoccupazione ASPI se licenziati. Come funziona e valore nuovo assegno in riforma lavoro

Come funziona la nuova Aspi: i beneficiari



Insieme ad articolo 18 e licenziamenti, contratti e riforma degli ammortizzatori, la riforma lavoro 2012 prevede un’altra importante novità. Si tratta dell’Aspi, nuova assicurazione sociale per l’impiego che sostituirà le indennità di mobilità e di disoccupazione, estendendo la copertura agli apprendisti, confermandola ai dipendenti privati e pubblici con contratto non a tempo indeterminato che abbiano lavorato almeno 52 settimane nell'ultimo biennio, che durerà 12 mesi per i lavoratori sotto i 55 anni e 18 mesi dai 55 in poi, e per cui è fissato un tetto di 1.119 euro, calcolato per il 70% fino alla retribuzione di 1.250 euro e per il 30% per la parte eccedente, con un taglio del 15% dopo i primi 6 mesi e di un ulteriore 15% dopo altri 6.

I beneficiari potranno essere tutti gli ex dipendenti delle aziende private (stabili e precari), ma anche gli impiegati pubblici che hanno lavorato con un contratto a termine o flessibile; ad essi vanno aggiunti apprendisti ed artisti sino ad oggi esclusi dall’applicazione di qualunque strumento di sostegno al reddito. 

Insieme all'Aspi, inoltre, si punta a estendere le tutele in costanza di rapporti di lavoro (sostanzialmente la cassa integrazione), attraverso l'istituzione di specifici fondi di solidarietà, obbligatori per tutti i settori, in relazione a imprese sopra i 15 dipendenti.

Disoccupati 2016: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il