BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Donna morta per test farmaco comprato su Ebay Internet: sorbitolo in commercio. Attenzione

Boom acquisti farmaci online. E’ allerta dopo il caso della donna morta a Barletta



Aveva 29 anni, era di Barletta, in Puglia, ed è morta per aver fatto uso di un farmaco comprato su Internet. Altre due si sono sentite male dopo aver assunto del sorbitolo per sottoporsi ad un test sull'intolleranza alimentare.

La vittima, Teresa Sunna, di 28 anni, è morta prima di arrivare nell'ospedale di Barletta dove invece i medici del pronto soccorso sono riusciti a salvare la vita alle altre due pazienti che sono ancora ricoverate sotto osservazione al Dimiccoli di Barletta, ma sono fuori pericolo.

L’inchiesta su quanto accaduto a Barletta ha portato al maxisequestro di 1000 tonnellate di sorbitolo da parte dei Nas di Padova in due ditte di Rovigo e Mantova ed è allerta cautelativa da parte del ministero della salute per chi avesse acquistato il dolcificante su EBay perchè avvisi i Nas per le analisi.

Tre persone sono indagate per omicidio colposo, cooperazione in omicidio colposo e lesioni gravi dalla procura di Trani. Al centro dell'indagine c’è il sorbitolo, un additivo alimentare, che è stato somministrato nel centro polispecialistico del dott. Ruggiero Spinazzola.

Secondo quanto accertato finora, il sorbitolo usato, che era stato acquistato on-line dall'Inghilterra, era del tipo destinato ad usi industriali e non alimentari. Per questa ragione tramite le autorità sanitarie, è stato diffuso in tutta Italia l'allerta per evitare che la stessa sostanza letale venga utilizzata impropriamente.

Il caso della donna morta a Barletta non fa che confermare i dati allarmanti forniti dai Nas e dall'Aifa, l'Agenzia del farmaco, secondo cui i medicinali acquistati via internet hanno conosciuto negli ultimi anni un vero boom, per i costi bassi e l’anonimato che assicurano.

Ma il rischio degli acquisti online, come avvenuto in questo caso, è quello di incorrere in prodotti contraffatti e non buoni per la salute dell’organismo. Oltre al sequestro di sorbitolo effettuato dalla polizia a Barletta, nello studio dove l'esame è stato effettuato, inoltre, ne è stato compiuto un altro, a Rovigo. I carabinieri del Nucleo antisofisticazioni, invece, stanno cercando di capire in quale fase, eventualmente, la sostanza possa avere subito sofisticazioni, se in fase di produzione o commercializzazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il