Cina: Nell'Ultimo Anno Chiusi Quasi 50 Mila Internet Caffe'

Pugno di ferro del regime di Pechino contro l'utilizzo di Internet



Pugno di ferro del regime di Pechino contro l'utilizzo di Internet. Lo scorso anno, con la scusa della lotta alla violenza e alla pornografia in rete, sono stati circa 50.000 gli ''Internet caffe'' cinesi le cui attivita' sono state sospese o chiuse a tempo indeterminato per aver fatto accedere al loro interno minori o per aver permesso la diffusione di materiale vietato. 

Secondo quanto riferisce l'agenzia missionaria Misna, lo hanno reso noto le autorita' cinesi, i cui dati sulla campagna - svoltasi tra febbraio e dicembre dell'anno scorso - hanno trovato ampia eco sulla stampa e sui media on line nazionali, a cominciare dal ''Giornale del popolo', organo di stampa ufficiale del Partito comunista cinese. Secondo i dati riferiti, 21.000 dei 47.000 locali avrebbero avuto il permesso di riaprire le attivita', mentre gli altri sarebbero stati definitivamente chiusi. 

In Cina sono circa 87 milioni gli utenti della rete delle reti, dato che rende il Paese asiatico secondo in questa speciale classifica solo agli Stati Uniti. La maggior parte degli utenti cinesi accede al Web attraverso gli ''Internet caffe''; questi ultimi devono attenersi a stringenti normative di sicurezza aventi a che fare sia con la circolazione di materiale pedopornografico sia con quella di materiale politico contrario agli orientamenti del regime. 

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il