BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Prestiti auto 2012: importi medi richiesti. Finanziamenti in forte calo

Prestiti auto in forte calo: gli italiani alle prese con la crisi



Calano le richieste di prestiti personali da parte degli italiani e sono fortemente in calo anche i prestiti per l’acquisto di auto e i finanziamenti medi si riducono. Prestiti.it ha elaborato l'identikit di chi chiede un prestito ai tempi della crisi e risulta essere un uomo, poco più che 40enne, che richiede un finanziamento (in media) di 11.500 euro.

Marco Giorgi di Prestiti.it, spiega che se prima le richieste di un prestito riguardavano soprattutto l'acquisto di beni durevoli, come l'auto o i mobili per la casa, ora il credito al consumo è uno strumento utile per affrontare quella contrazione del potere d'acquisto che, secondo Federconsumatori, è pari al 2,8% rispetto allo scorso anno.

Per quanto riguarda le motivazioni che spingono gli italiani a richiedere un prestito, uno su tre dichiara di aver bisogno di liquidità (33%), segue, poi, l'acquisto di un'auto usata (17,2%) e la ristrutturazione di casa (12,2%). Un anno fa, invece, i prestiti per liquidità attiravano un italiano su cinque (21,6%), mentre la richiesta di prestiti per l'acquisto di auto nuove era doppia rispetto a quella attuale (il 14,3%, contro il 7,8% registrato oggi).

Dai dati emerge anche che si investe meno sull'attività produttiva e la prova risiede nella riduzione di due terzi dei prestiti per l'acquisto di beni strumentali alla propria attività, che nel 2011 rappresentavano l'1,8% del totale e che oggi sono poco più dello 0,6%. Le donne concentrano il proprio interesse sul finanziamento degli studi (arrivando al 47% del totale delle richieste) e delle vacanze (31,8%).

Da un punto di vista geografico, la regione che chiede di più è la Sardegna (12.500 euro), mentre quella con l'età media più bassa al momento del preventivo è l'Emilia Romagna (39 anni). I primi mesi del 2012 hanno, inoltre, registrato un calo del 18% rispetto al 2011 dei prestiti finalizzati all’acquisto di auto e motocicli, secondo gli ultimi dati dell’Osservatorio Assofin.

Il crollo delle immatricolazioni e la fine degli incentivi hanno fatto la loro parte in questo crollo dei finanziamenti, ma ciò che più profondamente sta guidando questa tendenza sono gli effetti dilaganti della crisi. Moltissime famiglie, dal momento che non riescono più a risparmiare, hanno deciso di spendere il meno possibile, così, tra i primi beni durevoli su cui si è deciso di tagliare ci sono le auto e le moto.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il