Nielsen Media Research annuncia un incremento del 18% della pubblicità online

Nielsen Media Research annuncia un incremento del 18% della reclame on-line



BALZO in avanti per la pubblicità su Internet.
Questo l’esito della ricerca effettuata da Nielsen Media Research, azienda leader nella misurazione degli investimenti in comunicazione, in collaborazione con Iab Italia e Assointernet.
 
La società ha, infatti, rilevato che nel 2005 l’ammontare delle spese pubblicitarie in Rete è stato pari a 137 milioni di euro e il primo settore per numero di investimenti è stato proprio quello delle telecomunicazioni, che, con una spesa di circa 16,6 milioni di euro, rappresenta il 12,1% del totale advertising in Rete. Seguono Finanza/Assicurazioni (11,3%), Media/Editoria (10,8%), Servizi Professionali (8,9%) e Tempo Libero (8,7%).
 
Il risultato denota una crescita del 18% rispetto al 2004, anno in cui Internet ha assorbito il 2,5% dei circa 10,5 miliardi di euro spesi complessivamente dalle imprese in inserzioni commerciali sui diversi mezzi.
 
La stima non si riferisce alla sola spesa per banner ,che coprono il 38,9% della comunicazione su Internet per un valore di circa 53 milioni di euro, o per altre forme di pubblicità tabellare quali interstitial e pop-up, ma include forme di reclame come gli annunci delle imprese, le inserzioni in guide, directories e motori di ricerca.
 
L’incremento registrato nel 2005 è stato determinato senza dubbio dall’espansione del mercato delle connessioni a banda larga e dalla nuova vitalità nel settore dell'editoria on-line.

Michele Strazzera
, marketing director di Nielsen Media Research Italia afferma che si tratta di uno sviluppo importante, proprio perché la rete rappresenta una modalità di pianificazione nuova che le aziende utilizzano sempre di più, anche in via esclusiva.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il