BusinessOnline - Il portale per i decision maker








iPad 3: 4G non funziona. Rimborsi in Australia. Possibili anche in Italia

Apple pronta a centinaia di rimborsi? I problemi del nuovo iPad



Apple pronta a centinaia di rimborsi? Dall’Australia, all’Asia, all’Europa, in Paesi come Regno Unito, Svezia, e Italia compresa, la società di Cupertino è accusata di pubblicità ingannevole in merito al supporto per le reti mobili di nuova generazione LTE/4G e non avrebbe informato in maniera adeguata i consumatori in relazione all’impossibilità di agganciare i network LTE/4G con il nuovo iPad.

Al momento del lancio del nuovo tablet, l’azienda di Cupertino aveva sottolineato come la copertura della rete innovativa fosse ancora minima, ma l’antitrust australiana ha puntato il dito contro la scritta ‘Wi-Fi + 4G’, considerata fuorviante. L’iPad può infatti connettersi sfruttando il 4G con frequenze da 700 e 2100 megahertz, ma non da 1800, la cifra standard per Australia e Europa.

Per questo, la Competition and Consumer Commission australiana ha chiesto che il tribunale federale imponga alla società di Cupertino di modificare la pubblicità, di rimborsare i clienti e di pagare una multa.

Apple ha risposto sostenendo che offrirà il rimborso a tutti gli utenti del nuovo iPad che lo desiderino. Indagini aperte anche dalla Consumer Agency svedese e dall’Advertising Standards Authority britannica sempre in relazione alla presunta pubblicità ingannevole di Apple in merito al supporto per le reti LTE/4G del nuovo iPad.

Nella pagina web ufficiale dedicata al nuovo iPad, le informazioni sul nuovo device lasciano intendere che il tablet sia in grado di agganciare in tutto il mondo le reti dati più veloci. Ma in realtà così non è perché il 4G LTE è supportato solo dalle reti degli operatori AT&T e Verizon negli Stati Uniti, e da Bell, Rogers e Telus in Canada. Il che significa che solo Usa e Canada posso usufruire di queste connessioni, il resto del mondo in cui il nuovo iPad è approdato è fuori dalla novità, cosa che il sito non specifica.

È stato, invece, risolto il mistero della batteria dell’iPad che continua a caricarsi anche dopo aver segnalato il cento per cento sul display. Michael Tchao, vicepresidente del sodalizio californiano, ha spiegato che non si tratta di un difetto, bensì di una scelta degli ingegneri.

Si tratta di una caratteristica particolare del sistema operativo, che tuttavia non compromette l’integrità del prodotto, basta pertanto mantenere l’iPad sotto carica per un’altra oretta dopo che sul display verrà visualizzata la ricarica al 100% per avere una batteria più duratura.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il