BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2012: modelli gratis si possono ritirare presso i Comuni o scaricare online

Modelli online e ritirabili presso i Comuni: come compilare il modello 730 2012



E’ disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, da cui si può scaricare gratuitamente online il modello 730 2012 relativo alla dichiarazione dei redditi 2011. Ma c’è anche la possibilità di recarsi presso gli uffici comunali per ritirare i modelli da compilare.

Il modello 730 2012 può essere compilato dai lavoratori dipendenti e dai pensionati o comunque percettori di redditi assimilati a quelli di lavori dipendente e va presentato entro il 31 maggio 2012 se si sceglie di farsi assistere da un Centro di assistenza fiscale CAF o da professionisti abilitati. Il termine di presentazione al sostituto di imposta resta confermato al 30 aprile 2012.

Diverse le novità del modello 2012, a partire dalla nuova casella per la cedolare secca per i contribuenti che già nell'anno 2011 hanno scelto la tassa piatta per gli affitti abitativi del 21% o del 19% sulle locazioni degli immobili a uso abitativo.

L’opzione per la cedolare deve essere riportata nella dichiarazione dei redditi per i contratti in corso nel 2011, scaduti o oggetto di risoluzione volontaria al 7 aprile 2011 e per i contratti in corso alla stessa data, per i quali era già stata eseguita la registrazione e per i contratti prorogati per i quali era già stato effettuato il relativo pagamento.

L'opzione deve essere espressa in dichiarazione anche per i contratti per i quali non sussiste l'obbligo di registrazione (contratti di durata non superiore a 30 giorni nell'anno), ad eccezione del caso in cui il contribuente provveda alla registrazione volontaria o in caso d’uso del contratto in data antecedente alla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Nel caso di opzione in sede di dichiarazione la comunicazione al conduttore con raccomandata deve essere stata già effettuata entro il termine per il versamento dell'acconto 2011 oppure, se non è dovuto acconto, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Per i contratti già registrati o prorogati alla data del 7 aprile 2011, la scelta dell'imposta sostitutiva si effettua in sede di dichiarazione annuale, fermo restando l’obbligo di versamento degli acconti dovuti per l'anno 2011.

Tra le altre novità del 730 2012, la proroga degli incrementi della produttività, con l'imposta sostitutiva del 10%, nel limite di 6mila euro lordi; il contributo di solidarietà per i contribuenti con reddito complessivo superiore a 300mila euro; il differimento di 17 punti percentuali dell'acconto Irpef per il 2011, che poteva essere effettuato nella misura dell'82% in luogo del 99%; il differimento di 17 punti percentuali dell'acconto per la cedolare secca relativa al 2011, che poteva essere effettuato nella misura del 68% in luogo dell'85%; l’eliminazione dell’obbligo di presentare la comunicazione preventiva di inizio dei lavori al Centro operativo di Pescara per fruire della detrazione del 36%; alla proroga della detrazione del 55% per le spese relative agli interventi finalizzati al risparmio energetico.

Per quanto riguarda le detrazioni del modello 730 2012, si possono detrarre le spese di istruzione per la frequenza di corsi di istruzione secondaria o anche universitaria, perfezionamento e/o specializzazione presso qualsiasi istituto, privato o pubblico; interessi passivi su mutui sull’abitazione principale (per un massimo di 4000 euro per coniugi); deduzione dei contributi previdenziali ed assistenziali per il riscatto degli anni di laurea; interessi passivi relativi a contratti mutuo per l’acquisto dell’unità immobiliare da destinare ad abitazione principale propria o dei familiari; interventi di recupero del patrimonio edilizio per il 36% e per il risparmio energetico per il 55%. 

Deducibili anche le spese e i contributi per le badanti/colf; i canoni di locazione per gli studenti fuori sede (da detrarre nella misura del 19%); contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e facoltativi deducibili dal reddito imponibile ai fini Irpef; premi di assicurazioni sostenuti anche per i familiari fiscalmente a carico; spese mediche. Per conoscere tutte le novità introdotte quest’anno cliccare sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il