BusinessOnline - Il portale per i decision maker




Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):

Decreto fiscale 2012: le novità. Non solo Imu-ici, pensioni e black-list evasori

Le ultime novità per il dl fiscale: cosa prevedono


L’acconto di giugno dell’Imu si pagherà con le aliquote di base e la detrazione già fissata per la prima abitazione; non passa la modifica sull'Imu per gli anziani negli ospizi (solo un ordine del giorno) ma saranno esenti le case inabitabili; si al piano straordinario di assunzioni nelle Fiamme gialle per potenziare la lotta all'evasione; saltano anche le cosiddette black list per i commercianti; slitta di un mese lo stop ai pagamenti cash della Pubblica amministrazione: queste le ultime novità sul decreto fiscale del governo monti.

Tra le più importanti modifiche, quella per il pagamento dell’Imu, il cui acconto di giugno si pagherà con le aliquote di base e la detrazione già fissata per la prima abitazione ed entro il 10 dicembre il governo provvederà sulla base del gettito della prima rata dell'Imu alla modifica delle aliquote, per assicurare il gettito previsto.

Niente da fare, invece, per gli anziani che sono nelle case di riposo e che debbono pagare l'Imu sulla casa, mentre saranno completamente esenti dal pagamento Imu le case inabitabili, accatastate F2. Ritorna al 25% l'abbattimento della base imponibile a favore degli imprenditori agricoli professionali, previsto per i fabbricati rurali strumentali il versamento dell'Imu in due rate pari al 30% in acconto e al 70% a saldo e si all’esenzione per i fabbricati rurali strumentali nei Comuni di montagna.

Cancellata, inoltre, la quota erariale dell'Imu sugli immobili di proprietà dei Comuni, siti nel proprio territorio, e sugli immobili ex Iacp e delle cooperative edilizie a proprietà indivisa. Slitta poi dal primo maggio al primo giugno la norma che obbliga ai pagamenti non in contanti per gli stipendi e le pensioni corrisposti da enti e amministrazioni pubbliche oltre i 1.000 euro; saltano le liste selettive di contribuenti, in particolare commercianti, colti a non emettere scontrini o ricevute e sui quali l'Agenzia delle entrate poteva pianificare accertamenti.

Tra le altre misure, le imprese potranno cedere alle banche crediti certificati da regioni ed enti locali per somministrazioni, forniture e appalti ma l'impresa cedente dovrà garantire la solvibilità del debitore. Arriva, infine, una riduzione dell'aliquota dell’accisa sull’energia elettrica sul combustibile utilizzato nella produzione combinata di energia elettrica e calore.




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 04/04/2012 alle ore 07:09