BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Yahoo: duemila licenziamenti. Nuove strategie e considerazioni

Nuovi piani e strategia Yahoo



Yahoo! è pronta licenziare 2 mila dipendenti: la società americana ha, infatti, già presentato il piano di ristrutturazione per tornare competitiva. Il motivo di questi licenziamenti nasce dalla crisi che anche Yahoo! sta vivendo: l’azienda, infatti, che conta 14 mila dipendenti nel mondo, nel 2011 ha segnato un utile netto al ribasso del 15% a 1,05 miliardi di dollari e il Ceo Scott Thompson ha dichiarato che “sono state prese misure importanti per creare una compagnia più piccola, più agile e più profittevole e  per ridurre i costi”.

Queste misure prevedono però, purtroppo, anche “la difficile decisione di eliminare alcune posizioni, sebbene consapevoli del“profondo valore di tutte le persone che hanno contribuito a Yahoo!”.

Le prime aree di intervento mirato definite da Yahoo! riguardano un gruppo selezionato di core business, di piattaforme che lo supportano, servizi più personalizzati per gli utenti e ritorno degli investimenti per gli inserzionisti, dove intensificherà i proprio sforzi e ridistribuirà risorse a livello globale, per produrre maggior valore per gli azionisti.

Per quanto riguarda i licenziamenti, i primi sono già partiti con effetto immediato, mentre altri ne avverranno in successive tranche. Si tratta del sesto piano di tagli di posti di lavoro per l'azienda internet negli ultimi 4 anni.

E' il più grosso, dopo quello di 1.500 unità sul finire del 2008. Yahho! è stata tra i simboli di internet quando era appena agli inizi: fondata nel 1995, divenne punto di riferimento della navigazione online ma ha iniziato a perdere terreno, prima con il suo motore di ricerca e poi nel web sociale.

Aveva capito che Facebook sarebbe diventato un fenomeno globale, aveva offerto prima un miliardo di dollari e poi 750 milioni di dollari per acquistarlo, ma la richiesta fu declinata. E certo i continui cambi di management non hanno giovato alla società che si avvia ora ad una ‘ristrutturazione’ interna.
 

Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il