BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni a tasso variabile indicizzate: le migliori da scegliere nel 2012-2013

Puntare sulle obbligazioni a tasso fisso rende ed è più conveniente: l’analisi



I rendimenti vicini ai minimi storici non sono particolarmente entusiasmanti per chi decide di in vestire in obbligazioni a tasso fisso, soprattutto a causa dell’andamento altalenante delle ultime settimane sul Bund tedesco, che ha portato i rendimenti decennali da un minimo di 1,60% a oltre il 2%, con un conseguente calo delle quotazioni dei titoli di circa il 4%.

Secondo un’analisi di JC & Associati, in questo momento storico, chi decide di investire nel mercato è bene che si orienti verso le emissioni a tasso variabile che risultano piiù convenienti rispetto a quelle a tasso fisso.

Da un confronto tra le due tipologie di titoli, emerge, infatti, che attualmente le prime risultano in genere sottovalutate finora rispetto alle seconde, preferite dalla maggioranza degli investitori per il maggiore flusso cedolare che garantiscono. Risultato dell’analisi è che le emissioni a tasso variabile, a differenza di quelle a tasso fisso, risultano interessanti poiché non vengono penalizzate dal rialzo dei tassi di interesse, ma anzi avvantaggiate da un aumento del flusso cedolare.

Un rialzo dei tassi di interesse infatti, nel caso delle emissioni a tasso variabile, viene incorporato nella cedola successiva, cosa che invece non accade nel caso delle emissioni a cedola fissa.

Prendendo, per esempio, in considerazione le emissioni obbligazionarie KFW (Kreditanstalt für Wiederaufbau), mettendo a confronto, a parità di scadenza, i titoli a tasso fisso e quelli a tasso variabile per capirne la convenienza relativa in termini di rendimento e di prezzo, ne è risultato che le emissioni KFW a tasso variabile risultano sottovalutate rispetto a quelle a tasso fisso, perché a parità di scadenza, infatti, le prime garantiscono un rendimento atteso superiore rimanendo più convenienti in termini di prezzo. Stessa tendenza si nota nei confronti di altri emittenti, come la Banca Europea degli Investimenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il