BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Azioni, obbligazioni, btp, conti deposito: consigli investimenti per Aprile-Maggio-Giugno 2012

Investire in questo periodo di transizione: i consigli



Dopo qualche settimana di ritrovata fiducia sui mercati e di ritornato entusiasmo degli investitori, tornano a calare gli andamenti dei listini e le Borse europee risentono anche della situazione spagnola in questi giorni decisamente in crisi, tanto che alcuni analisti non escludono la possibilità che la Spagna possa ricorrere, come già avvenuto per Irlanda, Protogallo e Grecia, a sostegni da parte della Troika (Ue-Fmi-Bce).

Calano anche le Borse europee: Francoforte accusa un calo del 2,7%, in linea le perdite di Parigi (-2,55%), Londra (-2,11%), Madrid (-2,18%), mentre Milano con il Ftse Mib cede il 2,42% a 15.245 punti, mentre i mercati azionari, dopo una corsa del 28% a New York e del 21% in Europa, sono in parte risaliti anche grazie alla migliorata fiducia e la minor avversione al rischio. Ma le previsioni sull’andamento delle Borse non sono positive.

Dopo un terribile 2011, i primi tre mesi del 2012 non sono andati affatto male sul mercato, grazie al calo improvviso dello spread fra btp e bund e, in Italia, dell’effetto della Manovra ‘Salva-Italia’, anche se l’Europa sta facendo i conti con la recessione, cioè con un’economia che deve essere rilanciata necessariamente per sostenere la crescita, con la disoccupazione ai massimi storici e il malumore dei consumatori.

Chi, in questo momento storico, decide di investire e crearsi un portafoglio nei prossimi mesi, potrebbe orientarsi verso bond societari e il Btp Italia. Secondo Corriereconomia, i prossimi mesi potrebbero essere positivi per tutte le classi di investimento, bond, titoli azionari, titoli di Stato (30%), obbligazioni societarie (45%).

Bene anche la decisione di mettere al riparo la propria liquidità in conti depositi. Molte banche, infatti, hanno rinnovato le proprie promozioni, proponendo offerte al 4%, come conto deposito Rendimax, che continua a offrire il 4,60% lordo sui conti vincolati per 12 mesi e fino al 5,10% sui conti vincolati per due anni. Ciò che comunque oggi minaccia la convenienza dei tassi d’interesse è anche l’imposta di bollo, mini patrimoniale estesa anche ai conti deposito, sui quali d’ora in poi si applica il pagamento dell’imposta di bollo proporzionale dello 0,1% nel 2012 e dello 0,15% nel 2013.

Andrea Cattapan di Consultique Sim, agli ottimisti sul futuro andamento dell'economia globale, che vedono in ripresa, consiglia di puntare su un 25% di azionario dei paesi sviluppati e in un 10% dei paesi emergenti, in entrambi i casi utilizzando strumenti come gli Etf.

L’investimento sui mercati emergenti andrebbe invece giocato attraverso un Etf settoriale come il DB emerging consumer staples di Deutsche Bank, paniere che riproduce l’andamento delle maggiori società di largo consumo asiatiche. Vale a dire le aziende che potrebbero dare le maggiori soddisfazioni anche nell’ipotesi di un rallentamento della crescita del gigante cinese.

Ma anche nel portafoglio dei più ottimisti dovrebbe rimanere una componente di liquidità del 10%. Chi, invece, è ancora pessimista sull’esito della crisi economica, farebbe bene a mettere da parte azioni e titoli e puntare sulle obbligazioni, meglio se a tasso fisso o societarie, ma sempre preferendo scadenze non superiori ai 3-5 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il