BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Azioni emergenti per Aprile-Maggio-Giugno se correzione termina. Previsioni e consigli

Le potenzialità dei mercati emergenti: andamento e previsioni



Guardare oltre Oceano e puntare sui listini dei Paesi emergenti potrebbe essere un’ottima mossa per gli investimenti dei prossimi mesi. Da un’analisi di Corriereconomia emerge, infatti, che una buona parte del proprio portafoglio di investimento dovrebbe puntare su un 25% di azionario dei paesi sviluppati e in un 10% dei paesi emergenti, in entrambi i casi utilizzando strumenti come gli Etf.

La scommessa sui listini dei paesi sviluppati si gioca in particolare su due indici particolarmente ciclici, il Dax delle grandi capitalizzazioni tedesche (+18% da inizio anno) e il Nasdaq 100 (+21% da gennaio), il mercato tecnologico statunitense attualmente al centro dell’interesse da parte degli investitori.

Il possibile rialzo dei mercati emergenti andrebbe invece giocato attraverso un Etf settoriale come il DB emerging consumer staples di Deutsche Bank, paniere che riproduce l’andamento delle maggiori società di largo consumo asiatiche. Vale a dire le aziende che potrebbero dare le maggiori soddisfazioni anche nell’ipotesi di un rallentamento della crescita del gigante cinese.

I mercati emergenti rappresentano l’ancora di salvezza del mercato azionario e sono considerati il nuovo motore della crescita economica mondiale, perché offrono opportunità d’investimento relativamente solide, grazie alle recenti riforme economiche ed alla costante crescita della classe media. I più consigliati su cui puntare sono Brasile, Messico, Sud Africa, Cina e Venezuela.

La vera ricchezza dei questi paesi è rappresentata dalla loro popolosità: rappresentano il 42% della popolazione mondiale e in un’economia capitalistica come è quella moderna e odierna, la popolosità è la principale fonte di determinazione della domanda.

Facendo, inoltre, leva sull’aumento della domanda interna, determineranno in prospettiva tassi di crescita molto sostenuti rispetto a quelli dei paesi già storicamente industrializzati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il