BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp-Bund supera 400 e crollo Borse Aprile 2012: previsioni

Martedì nero per le Borse. Torna a salire lo spread. La situazione



Torna a salire lo spread btp-bund e ieri è stato un martedi nero per le Borse europee, Italia e Spagna in testa. Maglia nera alla Borsa di Milano, trascinata giù dal tracollo dei bancari, che ha chiuso con -4,98%, mentre lo spread dei Btp italiani è tornato per la prima volta in due mesi sopra i 400 punti base, annullando tutti gli sforzi di queste settimane di lavoro precedenti.

Occhi puntati quindi sull'Italia: Piazza Affari apre in cauto rialzo la seduta dopo il tonfo della vigilia. Il Ftse Mib sale dello 0,22% a 14.490 punti e il Ftse All Share dello 0,19% a 15.4492 punti. Migliora lo spread tra BTp e Bund con il differenziale che si colloca in questo momento a 393,6 punti, dopo l'apertura a 400 punti.

Il rendimento si colloca al 5,69%. Sempre tensione sui titoli di stato decennali italiani che aprono la giornata a 400 punti. Ieri il differenziale aveva chiuso a 404 punti con un rendimento del 5,68%. Per la Spagna lo spread apre a 428 punti. Lieve miglioramento anche per i titoli spagnoli ora a 423,4 punti, dopo un 'apertura a 428 punti.

Non va meglio in Asia: l'ondata di vendite partita dall’Europa ha contagiato l'Est e ora, coi futures azionari europei ancora in calo, anticipano una nuova ondata di vendite dopo il tonfo di Sony (-4,5%) e Sharp (-3,2%) dopo le perdite annunciate. L'attenzione è puntata sull'Europa dove la crisi del debito, in particolare in Spagna, torna a far paura e sul Beige Book che in serata la Federal Reserve americana pubblicherà.

Dal rapporto si attendono indicazioni sullo stato di salute dell'economia statunitense, con un’attenzione particolare all'andamento dei consumi e alle condizioni del mercato del lavoro. Inoltre, la forte ricapitalizzazione consente alle grandi banche di essere in una posizione molto più solida di quella dei big europei.

Nel breve termine sapremo se nei prossimi giorni le aziende otterranno buoni risultati trimestrali, riportando così l'economia a girare, o se, come ritengono alcuni analisti, potrebbero già esserci dei segnali di calo delle attività.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il