BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi energie rinnovabili nuovi insieme al Quinto Conto Energia

Nuovi decreti per incentivi rinnovabili: cosa prevedono



Non solo Quinto Conto Energia: in arrivo nuovi incentivi al settore delle rinnovabili in Italia. Sono stati varati nuovi decreti ministeriali che introducono un nuovo regime di incentivazione per le energie rinnovabili e fissano l'obiettivo di un 35% di produzione elettrica verde al 2020. sono stati presentati decreti per idroelettrico, geotermico, eolico, biomasse e biogas.

L'Italia punta ora al 35% di elettricità pulita entro il 2020 anziché fermarsi al 26%. Obiettivo del governo, si legge nella nota diffusa dai ministeri competenti, è programmare una crescita dell'energia rinnovabile più equilibrata che, oltre a garantire il superamento degli obiettivi comunitari al 2020 (dal 26% a circa il 35% nel settore elettrico), consenta di stabilizzare l'incidenza degli incentivi sulla bolletta elettrica.

I nuovi decreti per gli incentivi dovrebbero porre le basi per uno sviluppo ordinato e sostenibile delle energie rinnovabili, allineando gli incentivi ai livelli europei e adeguandoli agli andamenti dei costi di mercato, favorendo le tecnologie con maggior ricaduta sulla filiera economico-produttiva nazionale.

Entrando più nel dettaglio del provvedimento sulle rinnovabili extra-fotovoltaico, che entrerà in vigore dal primo gennaio 2013, la spesa per gli incentivi crescerà dai 3,5 miliardi attuali fino a 5,5 miliardi l'anno per poi essere stabilizzata entro il 2020.

Per controllare la potenza annua installata, gli impianti oltre i 5 Mw (soglia che sale a 20 per l'idroelettrico e il geotermico) accederanno agli incentivi tramite aste al ribasso nei limiti di quantitativi predeterminati di potenza annua. Le strutture di potenza compresa tra i 50 Kw e i 5 Mw avranno accesso alle tariffe previa iscrizione ad appositi registri del Gse.

Gli impianti sotto i 50 Kw potranno accedere agli incentivi dopo l'entrata in esercizio. Il quantitativo di questa categoria viene detratto dal contingente a registro nell'anno successivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il