BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp-Bund 2012: previsioni

Andamento mercati ed economia italiana: come andrà?



Il Tesoro ieri ha venduto 2,88 miliardi del Btp triennale marzo 2015, contro 3 miliardi di obiettivo massimo di collocamento. Il rendimento è salito al 3,89% contro il 2,76% del mese scorso, segnando un massimo dallo scorso gennaio.

Il Btp a tre anni marzo 2015, in particolare, ha trovato una domanda da parte degli investitori pari a 4,139 miliardi, ma l'assegnazione si è fermata a 2,885 miliardi, comunque sulla parte alta del range che era compreso fra due e tre miliardi.

Intanto Piazza Affari oscilla, calano la seduta sulle Piazze europee dopo i dati macro americani, tra alti e bassi e tanta volatilità, mentre le Borse asiatiche chiudono l’onda di ribassi degli ultimi otto mesi con una seduta di generale recupero, a parte Seul che si è mossa in leggera controtendenza negativa. E lo spread btp-bund dopo settimane di discesa, che aveva creato non poco entusiasmo sui mercati, è tornato a crescere e ci si chiede quali saranno gli effetti di questo nuovo andamento e come andrà nei prossimi mesi.

Secondo la Commissione Ue nelle sue previsioni, l'economia italiana si stabilizzerà nel secondo semestre del 2012, se lo spread rimarrà stabile intorno ai 370 punti e se non ci sarà ulteriore deterioramento della situazione sui mercati finanziari. Uno spread a quota 370 punti corrisponde, alle attuali quotazioni del Bund tedesco, a un rendimento dei BTp a 10 anni intorno al 5,6%.

Un livello decisamente lontano dai 160 punti del pre-crisi, ma considerando che l’anno scorso, in alcuni mesi, lo spread era arrivato a sfiorare i 600 punti, potrebbe trattarsi di un buon risultato. Nei giorni scorsi, dopo l’accordo sul salvataggio della Grecia, lo spread è scivolato a 330 punti per poi risalire a 360.

Sempre secondo le stime sul 2012 della Commissione europea, l’Italia metterà a segno nel 2012 la performance economica peggiore dopo quella di Grecia e Portogallo, registrerà una caduta del Pil dell'1,3% e peggio faranno, sempre secondo le previsioni Ue, solo Grecia e Portogallo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il