BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2012: istruzioni compilazione, detrazioni, esonerati e novità

Tutte le novità sul modello 730, date scadenza e istruzioni



Il modello 730 2012 relativo alla dichiarazione dei redditi 2011 e disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate potrà essere consegnato fino al 20 aprile all’indirizzo telematico. I sostituti d'imposta hanno, quindi, a disposizione venti giorni in più rispetto alla scadenza del 31 marzo inizialmente indicata.

Il modello di comunicazione per la ricezione in via telematica è disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it, sezione Cosa devi fare- Comunicare dati- Richiesta per ricezione dei 730-4. L’invio dell’indirizzo telematico è un passaggio obbligatorio per i datori di lavoro pubblici e privati e consente di effettuare correttamente le operazioni, dando il via al calcolo degli importi da trattenere o da rimborsare.

Diversi gli strumenti a disposizione dei cittadini per calcoli e compilazione dei moduli necessari, dai siti dedicati, a Caf online e applicazioni per dispositivi mobili, come 730 Ipsoa 2012 realizzata da Wolters Kluwer Italia e disponibile per iPad in una versione base gratuita e in una versione completa a pagamento che contiene le istruzioni ministeriali, una guida e un tutor per la compilazione, e l'esame di alcuni casi pratici.

Diverse le novità del modello 2012, a partire dalla nuova casella per la cedolare secca per i contribuenti che già nell'anno 2011 hanno scelto la tassa piatta per gli affitti abitativi del 21% o del 19% sulle locazioni degli immobili a uso abitativo. L’opzione per la cedolare deve essere riportata nella dichiarazione dei redditi per i contratti in corso nel 2011, scaduti o oggetto di risoluzione volontaria al 7 aprile 2011 e per i contratti in corso alla stessa data, per i quali era già stata eseguita la registrazione e per i contratti prorogati per i quali era già stato effettuato il relativo pagamento.

L'opzione deve essere espressa in dichiarazione anche per i contratti per i quali non sussiste l'obbligo di registrazione (contratti di durata non superiore a 30 giorni nell'anno), ad eccezione del caso in cui il contribuente provveda alla registrazione volontaria o in caso d’uso del contratto in data antecedente alla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Nel caso di opzione in sede di dichiarazione la comunicazione al conduttore con raccomandata deve essere stata già effettuata entro il termine per il versamento dell'acconto 2011 oppure, se non è dovuto acconto, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Per i contratti già registrati o prorogati alla data del 7 aprile 2011, la scelta dell'imposta sostitutiva si effettua in sede di dichiarazione annuale, fermo restando l’obbligo di versamento degli acconti dovuti per l'anno 2011. La compilazione del Quadro B è destinato, invece, ad appartamenti, box prima e seconde case.

Per quanto riguarda le detrazioni, si possono detrarre nel 730 spese mediche; di istruzione per la frequenza di corsi di istruzione secondaria o universitaria, perfezionamento e/o specializzazione presso qualsiasi istituto, privato o pubblico; contributi previdenziali e assistenziali per il riscatto degli anni di laurea; interessi passivi relativi a contratti mutuo per l’acquisto dell’unità immobiliare da destinare ad abitazione principale propria o dei familiari; interessi passivi su mutui sull’abitazione principale (per un massimo di 4000 euro per coniugi); interventi di recupero del patrimonio edilizio per il 36% e per il risparmio energetico per il 55%; spese per adozioni internazionali deducibili dal reddito imponibile Irpef; contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e facoltativi deducibili dal reddito imponibile ai fini Irpef; spese e contributi per le badanti e colf; e canoni di locazione per gli studenti fuori sede (da detrarre nella misura del 19%).

Detraibili anche le spese provvigioni agenzie immobiliari o per intermediazione immobiliare. Saranno, invece, esonerati dalla compilazione e dalla presentazione del 730 i lavoratori dipendenti e pensionati che subiscono le ritenute dal proprio datore di lavoro che è obbligato a trattenerle e che hanno solo un CUD a fine anno; i lavoratori che hanno rapporti di collaborazione coordinata e continuativa o lavori a progetto per cui siano state effettuate le ritenute o il conguaglio in presenza di più collaborazioni o lavori a progetto.

Questi casi di esonero valgono se sono state trattenute correttamente in busta paga le addizionali regionali e comunali dal datore di lavoro. Esonerati dalla compilazione del 730 anche coloro che hanno redditi esenti da imposta, come quelli erogati a titolo di borse di studio, rendite Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, pensioni di guerra, pensioni dei militari di leva, alcuni redditi di pensioni, indennità, o come anche redditi soggetti ad imposta sostituiva come i proventi derivanti dal possesso di BOT, CCT, CTZ.

Esonerati anche i lavoratori dipendenti o pensionati che lavorano per tutti i 365 giorni e non raggiungono un reddito di 8.000 euro annui al netto dell’abitazione principale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il