BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spesometro 2012: data scadenza prorogata 15 ottobre per pagamenti carta di credito e bancomat

Prorogato il termine per la comunicazione delle operazioni con carte di credito



Prorogato al 15 ottobre prossimo il termine per la comunicazione dei dati delle operazioni rilevanti ai fini Iva on carte di credito. Gli operatori finanziari tenuti a comunicare i dati delle operazioni rilevanti ai fini Iva, di importo non inferiore a 3.600 euro, relative al periodo tra il 6 luglio e il 31 dicembre 2011, in cui l’acquirente è un consumatore finale che ha pagato con carta di credito, di debito o prepagata, avranno dunque più tempo.

Entro il 15 ottobre, dunque, essi dovranno comunicare sia i dati relativi alle operazioni rilevate dal 6 luglio al 31 dicembre 2011, sia il numero di codice fiscale degli operatori commerciali con i quali hanno stipulato un contratto di installazione e utilizzo dei dispositivi Pos per ricevere pagamenti con moneta elettronica, eventuali cessazioni comprese, insieme al codice di ogni terminale.

Questa decisione è una delle novità che riguarderanno il nuovo spesometro 2012, strumento che permetterà al fisco di costruire una mappa degli acquisti degli italiani, in modo da potere rilevare eventuali scostamenti significativi tra i comportamenti e il tenore di vita dei contribuenti e i loro effettivi redditi dichiarati.

I dati confluiranno nei maxi computer dell’amministrazione tributaria, dove un complesso sistema riuscirà a rilevare ogni discrepanza. Lo spesometro 2012 permetterà all’Agenzia delle Entrate di individuare chi spende cifre superiori a quelle che si potrebbe aspettare dalla dichiarazione dei redditi e se venisse evidenziato uno scostamento potrà scattare l’accertamento, garantendo comunque al contribuente le necessarie tutele.

Il contribuente sarà infatti invitato a fornire le sue giustificazioni sulle spese, visto che potrebbe aver finanziato le spese con risparmi, sbloccando investimenti o con un prestito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il