BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge ammazza blog ritorna nel decreto intercettazione Governo Monti. Cosa prevede

Torna la norma ammazza blog. E’ di nuovo polemica in rete



Si torna a parlare di legge ‘ammazza blog’ nel nuovo dl intercettazioni. La cosiddetta norma bavaglio torna nella bozza del ministro Severino sulle intercettazioni e dovrebbe questa volta riguardare la norma secondo la quale sarà obbligatoria la rettifica entro 48 ore su richiesta semplice dell’interessato e, se questa non dovesse avvenire, una multa di 12.000 euro.

Manca in questo procedimento la replica, che permetterebbe di far valere le proprie ragioni ed è proprio questo che fa preoccupare chi gestisce una piattaforma web. In realtà, alcune parti della maggioranza (Pd e Fli) si sono opposte al provvedimento, parlando di altre priorità per il Paese ma rete è già in fermento e la polemica ritorna a farla da padrone fra le pagine dei blogs e dei siti, che si vedono di nuovo alle prese con un provvedimento che da sempre hanno controla libertà del web e delle sue voci indipendenti.

Secondo il leader di Italia dei Valori Antonio di Pietro “È grave che nella bozza sulle intercettazioni sia rispuntata l’odiosa norma ammazza blog, voluta già dal governo Berlusconi.

Il web è un baluardo della democrazia, uno dei pochi spazi che consente ai cittadini di avere informazioni e di dire la propria. L’Italia dei Valori si batterà affinché sia rispettato l’articolo 21 della Costituzione”. Ed effettivamente pochissime sono le differenze che emergono dai testi della bozza proposta dal Ministro Severino con quelli della bozza proposta a suo tempo da Angelino Alfano.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il