BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pagamenti pubblica amministrazione alle imprese: piano banche e Governo. Come dovrebbe funzionare

Nuove proposte per pagamenti pa e imprese: le richieste al governo



Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, sostiene di poter trovare un accordo con le banche per il finanziamento di 20-30 miliardi di crediti vantati dalle imprese nei confronti della pubblica amministrazione.

“Siamo convinti ci sia la disponibilità delle banche per anticipare 20-30 miliardi”, sostiene poi che “nel Piano nazionale delle riforme è in fase di definizione un sistema standardizzato di certificazione dei crediti delle pubbliche amministrazioni per facilitarne la cessione al sistema bancario mediante la predisposizione di una piattaforma elettronica”.

Per pagare i crediti alle imprese il governo discute con le banche una soluzione basata sulla cessione pro solvendo, in cui l'impresa che cede il credito alla banca risponde dell'eventuale inadempienza del debitore pubblico, a differenza della cessione pro soluto dove questo onere sarebbe in capo al debitore.

Con il sistema pro solvendo il credito mantiene la sua natura commerciale evitando di trasformarsi in un titolo finanziario che va ad aumentare il debito pubblico. Intanto è prevista per oggi la riunione del Comitato Esecutivo dell’Abi con il Ministro Passera, Confindustria, rete Imprese Italia e Alleanza delle Cooperative.

Il presidente dell'Abi, Giuseppe Mussari, ha detto “Proporremo un plafond da 5 mld per le Pmi che investono e 3 modalità diverse per rendere liquidi i crediti versa la P.A. Che sono sospesi la cui cifra dovrebbe aggirarsi tra i 70 ed i 100 mld euro”.

Gli istituti di credito ribadiscono la loro natura di banche delle famiglie e delle imprese e non solo per le famiglie e per le imprese. L'obiettivo è ottenere una maggiore e più regolare trasmissione del flusso di liquidità. Mussari ha poi detto: “Chiediamo al Governo un’attuazione pronta e rapida della direttiva europea sul sistema dei pagamenti anche tra imprese stesse. E' giusto che chi ha i debiti li paghi in tempi congrui e non biblici”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il