BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2012: cosa cambia quest'anno

Le novità del modello 730 2012



Sono diverse le novità del modello 730 2012, relativo alla dichiarazione dei redditi 2011, a partire dalla nuova casella per la cedolare secca per i contribuenti che già nell'anno 2011 hanno scelto la tassa piatta per gli affitti abitativi del 21% o del 19% sulle locazioni degli immobili a uso abitativo, alle possibilità di devolvere il 5 per mille che quest’anno si possono scegliere la Caritas italiana (232mila euro) e la Fondazione italiana sclerosi multipla Onlus (867 mila euro), riammessi alla ripartizione del cinque per mille degli anni 2006, 2007 e 2008, e la Fondazione Bettino Craxi, che otterrà poco più di 38mila euro.

Spazio anche alla proroga degli incrementi della produttività, con l'imposta sostitutiva del 10%, nel limite di 6mila euro lordi; al contributo di solidarietà per i contribuenti con reddito complessivo superiore a 300mila euro; al differimento di 17 punti percentuali dell'acconto Irpef per il 2011, che poteva essere effettuato nella misura dell'82% in luogo del 99%; al differimento di 17 punti percentuali dell'acconto per la cedolare secca relativa al 2011, che poteva essere effettuato nella misura del 68% in luogo dell'85%; all’eliminazione dell’obbligo di presentare la comunicazione preventiva di inizio dei lavori al Centro operativo di Pescara per fruire della detrazione del 36%; alla proroga della detrazione del 55% per le spese relative agli interventi finalizzati al risparmio energetico.

L’opzione per la cedolare si riporta nella dichiarazione dei redditi per i contratti in corso nel 2011, scaduti o oggetto di risoluzione volontaria al 7 aprile 2011 e per i contratti in corso alla stessa data, per i quali era già stata eseguita la registrazione e per i contratti prorogati per i quali era già stato effettuato il relativo pagamento.

Per i contratti già registrati o prorogati alla data del 7 aprile 2011, la scelta dell'imposta sostitutiva si effettua in sede di dichiarazione annuale, fermo restando l’obbligo di versamento degli acconti dovuti per l'anno 2011. La compilazione del Quadro B è destinato, invece, ad appartamenti, box prima e seconde case.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il