BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da Business Online gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica.

OK

Cerca

Cerca tra i nostri articoli

OK


Chiudi

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):

Decreto Semplificazioni fiscali: Imu solo nel 2013 per prima casa e altre novità su tassa

Novità Imu dl semplificazioni e applicazione


Oggi dovrebbe diventare legge il decreto semplificazione che tra le sue novità comprende anche la nuova Imu e la cosiddetta Imu bis, tassa di scopo, che il governo si è impegnato a studiare per limitare l’applicazione dell’Imu al solo 2012, prevedere un’agevolazione per le case affittate con il canone concordato, e anche tagliare fuori la prima casa dalla tassa di scopo che i Comuni possono imporre per realizzare le opere pubbliche sul loro territorio.

Dal ministero dell’Economia spiegano che non si tratta di alcuna nuova imposta ma solo l’introduzione di alcune norme di coordinamento tra questo tributo, che esiste dal 2006 e che si calcolava sull'Ici, e che ora è invece stato ‘coordinato’ con l'Imu. “Ad oggi risulta che solo 20 Comuni hanno istituito l'imposta di scopo esercitando la facoltà”.

Non la pensa così la Confedilizia, che parla di una ‘pericolosa innovazione’ anche perché si applicherà sulle nuove rendite aumentate del 60% rispetto all'Ici. Secondo il presidente dell’Anci, Graziano Delrio, “La tassa di scopo andrebbe nel senso del federalismo fiscale e delle richieste dei sindaci, che però non potranno applicarla in questo momento pesantissimo di pressione fiscale. E' una tassa giusta nel momento sbagliato, perchè è una tassa trasparente diversamente dall'Imu che è una imposta statale camuffata da imposte municipale”.

Sciolto il nodo della quantità dell'acconto dell'Imu: si pagherà con le aliquote di base e, per la prima casa, è stata data la possibilità di pagare la tassa sulla prima casa in due o tre rate, previsti alleggerimenti per l'agricoltura e per le case storiche, mentre saranno i Comuni a decidere il ‘futuro’ di anziani e italiani all'estero.

Il governo intanto si è impegnato anche a valutare l'opportunità di recuperare risorse alternative per poter considerare l'Imu sulla prima casa un'imposta una tantum da applicare per il solo 2012, così come chiedeva da più giorni il Pdl.




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il 24/04/2012 alle ore 07:12