BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2012: detrazioni prima casa ufficiali dopo approvazione legge

Agevolazioni Imu sulla prima casa: cosa prevedono



Il via libera al decreto fiscale ha fissato i punti sulle principali novità dell’Imu: la più importante è quella che riguarda il pagamento dell’acconto di giugno che sarà effettuato con le aliquote di base e la detrazione già fissata per la prima abitazione.

Per l'anno 2012, infatti, il pagamento della prima rata dell'imposta municipale dovrà essere effettuato senza applicazione di sanzioni ed interessi, in misura pari al 50% dell'importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazione previste. Poi si potrà decidere se pagare l’Imu sulla prima casa in due rate, 16 giugno e saldo del 16 dicembre, o in tre, 16 giugno, 16 settembre e 16 dicembre.

Intanto i contribuenti si preparano a calcolare l'importo della tassa: bisognerà moltiplicare per 160 la rendita catastale (rivalutata del 5%), applicare l'aliquota di base, che è del 4 per mille sulla prima casa e del 7,6 per mille su tutti gli altri immobili, togliere le detrazioni forfetarie pari a 200 euro più 50 euro per ogni figlio a carico di età fino a 26 anni.

Per l'abitazione principale sono previsti, dunque, 200 euro di detrazione (che i Comuni possono incrementare) e l'aliquota speciale dello 0,4% (che i Comuni possono ridurre sino allo 0,2 per cento). Inoltre ci sono altri 50 euro di detrazione per ogni figlio convivente sino al 26 compleanno.

Con l'accollo dell'Imu al coniuge assegnatario in caso di separazione o divorzio, l'abitazione diventa automaticamente principale, mentre prima, se di proprietà del coniuge non assegnatario, era equiparata solo se quest'ultimo non possedeva altre abitazioni nel Comune.

Agevolazioni previste anche per agli immobili dei Comuni, di quelli di ex Iacp e di cooperative edilizie a proprietà indivisa, per gli immobili posseduti da residenti all'estero o da anziani ricoverati in strutture di lungodegenza, purché non locate. Per queste ultime categorie, il Comune può decidere se considerare la casa di cura abitazione principale o meno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il