Investimenti a 3 anni: btp, obbligazioni bancarie e corporate bond. Rendimenti a confronto

Quale investimento scegliere per i prossimi anni: rischi e rendimenti



Sono gli investimenti a medio termine quelli che rendono di più in un momento di incertezza come quello attuale che stanno vivendo i mercati e se soprattutto si decide di puntare su btp, corporate bon o obbligazioni bancarie.

Tutto dipende dall'inflazione. Il tasso del caro-vita dei prossimi tre anni è difficile da prevedere, ma attualmente si stima un +1,7% medio annuo e i Btp triennali oggi lo battono. Secondo il sole24 Ore, il rischio è che l’Italia in questo lasso di tempo sia costretta a ristrutturare il suo debito, rischio però attualmente remoto.

Chi, dunque, volesse investire i propri risparmi al riparo dal caro-vita, restando sempre tra i titoli italiani, potrebbe scegliere i Btp indicizzati all’inflazione europea o i recenti Btp Italia, prodotti entrambe che legano cedole e capitale all’inflazione. Ma si può optare anche per altre scelte come altri titoli di Stato europei, anche quotati sui listini per risparmiatori Mot o Tlx, come i Bonos che offrono sul MoT rendimenti in linea con quelli dei Btp italiani; o scegliere le obbligazioni emesse da banche o società.

Le prime offrono rendimenti troppo bassi, però, anche inferiori a quelli dei BTp, con una rischiosità più elevata e una liquidità inferiore; per quanto riguarda le corporate bond, per avere rendimenti elevati bisogna rischiare puntando, per esempio, su titoli con basso rating come quelli del settore automobilistico.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il