BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2012: città e sindaci dove non si vuole far pagare. Ma il problema è il gettito

Scioperi fiscali e gettito Comuni: il valore dell’Imu



Si discute ancora di Imu e suo valore mentre la Lega annuncia scioperi fiscali. “Il Consiglio federale della Lega Nord ha messo a punto cinque o sei iniziative diverse che possono prendere i sindaci, poi ognuno deciderà, per poter applicare una vera protesta fiscale”, così l'ex ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha illustrato le decisioni prese dal Consiglio federale della Lega Nord.

Maroni ha spiegato che è stato dato formalmente incarico ai triumviri di organizzare tutte le iniziative utili e necessarie per effettuare “queste forme di obiezioni fiscale sull’Imu che, sulla prima casa, è una rapina e un odioso balzello”. Maroni ha spiegato che l'iniziativa riguarda “tutti i nostri sindaci, compresi quelli che verranno eletti alle prossime amministrative”.

L’auspicio dei vertici della Lega Nord è quello di raccogliere un fronte più ampio possibile: “vogliamo coinvolgere anche i sindaci degli altri partiti perché l'importante è che ci sia una rete di sindaci capace di far sentire al governo quanto è odioso questo balzello”.

Il ritorno dell’Imu è qualcosa che comunque intimorisce non poco i contribuenti italiani soprattutto a causa del suo costo e del suo incidere nelle tasche dei cittadini. Confartigianato Como ha reso noti i dati secondo cui l’Imu crescerà nelle diverse città italiane per avere un gettito paragonabile all’ex Ici, perché ciò che i contribuenti pagano con l’Imu per il 50% andrà allo Stato e per l’altro 50% nelle casse dei Comuni.

Gli aumenti dell’Imu rispetto alla vecchia Ici sono legati essenzialmente all’incidenza delle aliquote che il governo ha fissato allo 0,4%, per le prime case, e in una forchetta compresa tra lo 0,76% e l’1,06% per le seconde case e gli altri immobili. Se a luglio, dopo la prima rata, il gettito sarà inferiore alle attese, il governo potrà ancora rivedere l’imposta.

Si parla poi di una super Imu per le case sfitte, piuttosto che rivedere le aliquote sulle prime case, è meglio andare a rastrellare i fondi necessari dalle seconde o meglio ancora dai possessori degli immobili che lasciano gli appartamenti vuoti.

I dati raccolti dall’Associazione dei Comuni mediante la compilazione di questionari inviati ai sindaci, lascia intendere che si tratta di un’ipotesi tutt’altro che remota: le stime dell’esecutivo prevedono una raccolta pari a circa 21 miliardi di euro (dei quali 10 sarebbero destinati ai Comuni e 11 all’Erario) mentre i Comuni sono decisamente più cauti.

La riscossione dell'Imu avverrà solo tramite F24 per l'acconto di giugno (e per quello di settembre da parte dei proprietari di abitazione principale che scelgono nel 2012 il pagamento in tre rate), mentre il saldo di dicembre potrà essere versato anche tramite un bollettino postale, per il calcolo dell’Imu, quota locale e quota erariale dovrebbero essere pari ma considerando i tagli preventivi basati sulle stime una buona parte del rischio di riscossione è a carico dei Comuni.

Il problema è che i risultati dell'Imu calcolati dal governo vanno a discapito dei Comuni, che oltre ai tagli generali disposti dalle manovre dovrà rinunciare a una quota pari alla differenza fra l'Ici del 2010 e l'Imu del 2012. Facendo alcuni esempio, a Roma si calcolano quasi 1,1 miliardi le risorse destinate al Campidoglio, che nell'ultimo consuntivo (2010, anno di riferimento per i confronti) aveva superato di pochissimo i 650 milioni di euro accertati.

Tra le città principali, forte il balzello di Padova, che secondo i numeri dell'Economia passerà dai 50 milioni di Ici accertati nell'ultimo consuntivo ai quasi 83 garantiti dall'Imu, con un aumento del 65,6%.  Si sale anche a Torino, Bologna, Prato, Verona, Milano e Napoli, mentre al Sud la situazione è completamente diversa e l'Imu, per esempio, di Catania e Reggio Calabria sarà più leggera, secondo le stime, di oltre il 40% rispetto all'Ici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il