BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Studi di settore 2012: controllo congruità dichiarazione dei redditi con diverse novità

Novità studi di settore per stanare i furbetti del fisco: cosa prevedono



Gli Studi di settore 2012 hanno introdotto nuovi correttivi crisi e indicatori di coerenza e di normalità economica. L’Agenzia delle Entrate ha, infatti, comunicato che gli studi di settore quest'anno prevedono una serie di interventi per essere più adeguati alle condizioni economiche e dei mercati e capaci di evidenziare incoerenze nei dati dichiarati e saranno più leggeri per le aziende che hanno avuto meno ricavi.

 Previsti correttivi anche per taxi, imprese di trasporti e traslochi, a causa del caro benzina. Si tratta di indicatori relativi alle anomalie dei dati dichiarati per contrastare possibili situazioni di non corretta compilazione dei dati previsti nei modelli per il periodo 2010; indicatori relativi all'assenza del valore dei beni strumentali e per il comparto farmacie.

Gli studi di settore saranno utilizzati come strumento di intercettazione delle posizioni anomale e, nel caso dell'anomalia relativa al valore dei beni strumentali, il contribuente avrà la possibilità di effettuare un adeguamento spontaneo, pagando una maggiorazione. 

 Le altre novità degli studi di settore 2012 riguardano gli allegati 4 e 5, relativi all'aggiornamento della territorialità per lo studio VM05U, relativo al commercio al dettaglio di abbigliamento, calzature, pelletterie e accessori; in tale ambito, infatti, si cerca di valutare l'influenza della vicinanza con Outlet con la contrazione dei ricavi, mentre l'allegato 5 si occupa di aggiornare lo studio VM05U per tenere conto delle aperture in Abruzzo, Campania e Sicilia.

Si passa poi agli allegati 6 e 7, infine, contengono le altre modifiche relative al fattore della territorialità per il comparto commercio, sia a livello comunale, che provinciale e regionale, e valutano le variazioni intervenute nelle caratteristiche della rete distributiva, in base al suo grado di modernizzazione e di copertura dei servizi di prossimità e allo sviluppo economico del territorio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il