BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa: esami per accesso a tirocini per insegnamento e regole per chi già insegna a scuola

Prove e date: disponibile il calendario dei Tfa



E’ disponibile il calendario del test per l'accesso ai nuovi Tfa, i tirocini annuali abilitanti all'insegnamento a medie e superiori. I candidati potranno presentare la propria iscrizione esclusivamente via web da venerdì 4 maggio al 4 giugno, inserendo oltre ai dati anagrafici, l'ateneo e la classe di abilitazione prescelta e i titoli di ammissione.

La procedura di iscrizione al test relativo a ciascuna classe di abilitazione si conclude con il pagamento del contributo all'università scelta dal candidato. La ricevuta di pagamento costituisce prova dell'avvenuta iscrizione e può essere presentata il giorno del test, qualora il candidato non risultasse nell'elenco predisposto dall'università.

Le prove selettive (in due sessioni, la mattina e il pomeriggio) si svolgeranno dal 6 al 31 luglio, il sarà uguale per tutta Italia per ciascuna classe di abilitazione, i candidati dovranno rispondere a 60 domande, ciascuna formulata con quattro opzioni di risposta e fra queste dovranno scegliere quella esatta.

Nel test vi saranno dieci quesiti per verificare le competenze in lingua italiana, anche con riferimento alla comprensione di uno o più testi scritti, mentre gli altri quesiti riguarderanno le discipline oggetto di insegnamento della classe di abilitazione.

Una risposta corretta vale 0,5 punti, la risposta non data (o errata) vale 0 punti e il tempo per lo svolgimento del test è di tre ore. Potranno poi accedere alla prova i scritta i candidati che abbiano conseguito una votazione non inferiore a 21/30 nel test preliminare, stesso punteggio da conseguire per accedere poi alla prova orale.

Per accedere, infine, al Tirocinio formativo bisognerà superare la prova orale con un punteggio non inferiore a 15/20. Nessuna corsia preferenziale per accedere ai prossimi Tfa ma il governo ha assicurato che al ministero dell'Istruzione si stanno comunque esaminando ipotesi diverse per garantire a quanti già insegnano da anni nella scuola senza abilitazione di conseguire il titolo abilitante nel riconoscimento della professionalità maturata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il