BusinessOnline - Il portale per i decision maker




Samsung Galaxy S 3: rivoluzione, evoluzione o flop. Opinioni e impressioni

Prime impressioni sul nuovo smartphone Galaxy S 3


Il suo debutto è stato un successo, c’è già chi inneggia alla nascita dell’anti-iPhone’ e chi, invece, ritiene possa rivelarsi un grande flop, ma nell’attesa di capire quanto e quale sarà il suo successo reale, nelle vendite, il Samsung Galaxy S 3 si è presentato davvero bene.

Terzo esponente della famiglia Galaxy, questo nuovo smartphone Android, equipaggiato con l’ultima versione del sistema operativo Ice Cream Sandwich, rispetto al predecessore sarà maggiore nelle dimensioni, 4.8 pollici di diagonale di display, e nelle prestazioni grazie al processore quad core.

Il display è, dunque, touchscreen da 4.8 pollici super Amoled con risoluzione 1280 x 720 pixel, il processore è  quad-core, due volte più potente del modello precedente montato sul Galaxy S2, ma con un consumo di energia inferiore del 20%, la fotocamera da 8 megapixel con videorecording Full HD, Flash, autofocus e troviamo inoltre Wi-Fi, giroscopio, Bluetooth, GPS, controllo vocale rivoluzionario, stile SIRI su iOS, batteria da 2100 mAh e tanti accessori già disponibili, come Doch, adattatore HDMI, proteggi schermo.

All’indomani della presentazione ufficiale svoltasi ieri a Londra, sono tante le opinioni già piovute sul nuovo device. Per qualcuno si tratta di “Una evoluzione che non è una rivoluzione, ma che rappresenta comunque una pedina cruciale di Samsung nel contesissimo segmento degli smartphone”, come Neil Mawston, della Strategy Analytics.

Secondo un altro analista, Adam Leach, anche se il Galaxy S3 “non rappresenta un punto di svolta tecnologica la sua importanza per Samsung non va sottovalutata: l'impresa ha costruito la sua reputazione producendo lo smartphone Android per antonomiasia e incarnando questo tipo di dispositivi”. Altri ancora ritengono che il Galaxy S3 rappresenti un esempio di come potranno essere le macchine mobili del futuro, di cosa potranno fare, di come si legheranno sempre di più alla nostra vita quotidiana.




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 04/05/2012 alle ore 07:18