BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazioni auto 2012:tariffe diverse per categorie (uomini,donne,giovani).Maggior controllo Isvap

Nuovi profili assicurativi per rc auto: la novità dell’Isvap



Le assicurazioni auto, insieme ai carburanti, sono il settore che più di ogni altro ha subito rincari negli ultimi mesi e i dati parlano chiaro: il primo quadrimestre  si è chiuso con 537.170 vetture immatricolate e un calo del 20,2%, ma soprattutto, con poche speranze di recupero nei successivi otto mesi.

Secondo il presidente dell’Unrae, Jacques Bousquet, il dato più preoccupante è quello relativo alla sostenibilità dei concessionari: “Il calo della domanda, insieme alla stretta creditizia che non trova soluzione, sta soffocando letteralmente le imprese, con impatti occupazionali inevitabili, che avranno ulteriori pesanti ripercussioni nei prossimi mesi se non si troverà il modo di invertire la pericolosissima deriva”.

Ma c’è da sottolineare che sono diverse le problematiche del settore, dalla sensibilissima differenza di prezzo tra le polizze stipulate al Nord e quelle stipulate al Sud, derivanti soprattutto dal maggior numero di frodi che si registrano nelle regioni del Mezzogiorno, alla poca trasparenza da parte delle compagnie assicurative, soprattutto online, che alla fine presentano ai clienti un conto più salato rispetto ai preventivi fatti.

La novità dell’ultimo momento è che l'Isvap ha deciso di ampliare l'indagine effettuata trimestralmente presso le imprese al fine di rilevare l'andamento nel tempo delle tariffe Rc auto, aumentando a 11, dagli attuali 4, i profili tariffari. E lo stesso Istituto ha spiegato la novità sostenendo la necessità di aggiornare la rilevazione per allinearla alle mutate condizioni del mercato a nove anni dalla sua introduzione periodica, tenuto conto dei cambiamenti normativi intervenuti, dell'evoluzione del parco veicolare e degli effetti indotti dalla medesima politica tariffaria sulle tipologie di clientela assicurata.

In particolare la nuova indagine, che ha per oggetto 21 province, tiene conto nella rilevazione, sia della classe femminile di assicurati, in possesso di motocicli o di autovetture, sia di una maggiore disaggregazione dei dati per età, sia di un maggior numero di tipologie di veicoli sotto copertura. 

Così significa che le tradizionali categorie maschili di assicurati diciottenni e quarantenni saranno estese ad automobilisti di sesso femminile. Saranno, inoltre, introdotte due categorie di assicurati 55enni per due diverse tipologie di vettura.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il