BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Mutui e assicurazioni: nuove regole ufficiali dal 1 luglio 2012

Nuovo regolamento Isvap per contratti di assicurazione mutui: cosa prevede



Novità in vigore dal primo 2012 per quanto riguarda le assicurazioni  mutui: l’Isvap, Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo, ha emanato il Regolamento di attuazione sulle polizze vita associate ai mutui, fissando per questi prodotti assicurativi, associati ai finanziamenti ipotecari, quelli che sono i contenuti minimi.

Il Regolamento frutto di una consultazione pubblica che si è conclusa il 18 aprile del 2012, e che è stata caratterizzata dall'acquisizione di commenti da parte di soggetti quali l'Ania, lo SNA, l'Associazione Bancaria Italiana (ABI) e le Associazioni di Consumatori Adiconsum ed Altroconsumo.

Il Regolamento, in linea con le ultime novità contenute nel dl liberalizzazioni a proposito di polizze e mutui, impone alle banche e agli altri intermediari finanziari che condizionano l’erogazione di un mutuo immobiliare o di un prestito alla sottoscrizione di un contratto di assicurazione sulla vita, di sottoporre al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi non riconducibili alle banche ed agli intermediari finanziari stessi.

Il decreto, inoltre, conferma il Provvedimento Isvap (n. 2946/2011 ) entrato in vigore il 2 aprile che vieta alle banche di avere il duplice ruolo di intermediari e beneficiari delle assicurazioni sui mutui. Il Regolamento di attuazione si possono visionare dal sito Internet dell'Istituto, www.isvap.it.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il