BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Suicidi per crisi economica, tasse e Equitalia: statistiche invitano alla cautela

Aumentano i suicidi in Italia, ma non solo per motivi economici



Aumentano i suicidi legati alle difficoltà economiche, gli ultimi tre casi, due nel salernitano e uno nel milanese hanno fatto salire a 38 il bilancio delle cosiddette vittime della crisi dall’inizio del 2012 , quasi un terzo delle quali in Veneto, tanto da spingere il segretario dell’Associazione artigiani piccole imprese (Cgia) di Mestre, Giuseppe Bortolussi, a lanciare un appello al presidente Giorgio Napolitano perché intervenga.

Il 2012 sarà ricordato come l’anno dei suicidi e infatti i dati parlano chiaro: nel 2012, ogni giorno ci sono 0,29 suicidi per motivi economici, contro lo 0,51 del 2010 e lo 0,54 del 2009. Anche se emerge chiaramente che debiti, tasse, difficoltà economiche possono indurre a compiere una follia e che è innegabile che le difficoltà economiche o la mancanza di un lavoro possano gettare nella disperazione, in Italia molti dei suicidi avvengono a causa della disperazione soprattutto sentimentale.

Secondo il recente rapporto dell’ Eures Ricerche Economiche e Sociali, intitolato Il suicidio in Italia al tempo della crisi sarebbero in aumento i suicidi tra i disoccupati (362 nel 2010, contro 357 nel 2009 e una media di 270 nel triennio precedente), con un +40% tra 2008 e 2010. I più a rischio sarebbero proprio loro, quelli che hanno perso il lavoro o non riescono a trovarlo, seguiti da imprenditori e liberi professionisti.

Il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro, ha usato parole fortissime contro il premier Mario Monti, accusandolo di avere queste morti sulla coscienza. Ma il premier ha risposto alle accuse sostenendo che “Le conseguenze umane della crisi dovrebbero far riflettere chi ha portato l'economia in questo stato e non chi da quello stato sta cercando di farla uscire. Lo stato in cui si trova l'economia italiana è drammatico ed è figlio della scarsa attenzione prestata alle scelte di lungo periodo per le riforme”.

 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il