BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Piano Monti per anziani, bambini e famiglie povere: aiuti e sostegni previsti

Nuovo piano di aiuti per le fasce di popolazione più povere: cosa prevede



Non solo modifiche alla riforma del lavoro e bonus fiscali per chi assume al Sud, ma anche un nuovo piano di aiuti destinato a famiglie meno abbienti, anziani e bambini. Questa l’ultima novità del governo Monti. Si tratta di un nuovo programma di aiuti del valore di un miliardo contro la povertà, che sta diventando una vera emergenza sociale, soprattutto a Sud.

Il nuovo piano è stato pensato per sostenere, dunque, le persone che vivono in condizioni di povertà, e che non sono certo poche. Basti pensare che sono più di otto milioni, secondo l'Istat , gli italiani che vivono in condizioni di povertà relativa (circa il 14 % della popolazione), mentre la povertà assoluta riguarda invece 3,1 milioni di persone (il 4,6 % delle famiglie).

Nel Mezzogiorno, le famiglie in povertà relativa sono il 23 % (contro il 4,9 del Nord e il 6,3 del Centro), e quelle in povertà assoluta ne rappresentano il 6,7% (contro il 3,6 e il 3,8 di Nord e Centro) e solo in Basilicata è povero quasi un terzo delle famiglie.

L'obiettivo è, dunque, quello di intervenire a sostegno delle fasce di popolazione più fragile ed evitare così la loro marginalizzazione. Per quanto riguarda la categoria anziani e bambini, sono stati stanziati circa un'ottantina di milioni per rifinanziare alcuni servizi e per nuovi posti negli asili nidi.

Previste anche misure (decise a livello locale) per favorire il mantenimento di legami con il resto della società, perché il rischio di restare fuori dalla società cresce con l'incremento del proprio disagio economico. In questo contesto avranno un ruolo decisivo le istituzioni locali (Regioni, Comuni) nell'implementazione del piano perché sono loro ad essere a contatto diretto con il disagio.


Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il