BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2012: modelli dichiarazione dei redditi

Le novità dei modelli Unico 2012: cosa cambia



L'Agenzia delle Entrate ha reso disponibili i modelli Unico per la dichiarazione dei redditi relativi all’anno 2011 per Persone fisiche, Società di persone, Società di capitali ed Enti non commerciali, con le relative istruzioni.

Devono presentare il modello Unico 2012 titolari di redditi d’impresa, anche se derivanti da partecipazione; i titolari di partita Iva che hanno un reddito di lavoro autonomo; chi detiene un reddito derivante da cessione totale o parziale di imprese, affitto di aziende, concessione in usufrutto; i contribuenti che sono tenuti a presentare una tra le dichiarazioni Iva, Irap, sostituti d’imposta modelli 770 ordinario e semplificato.

Per la compilazione del modello Unico 2012 non mancano le novità, introdotte dall'ultima manovra finanziaria, a partire dalle perdite IRES fino alle nuove norme che riguardano l’Ace (aiuto alla crescita economica), per cui, più precisamente, sono state introdotte agevolazioni per le imprese, come la detassazione degli incrementi di patrimonio.

Per calcolare l’ammontare escluso nella determinazione del reddito d’impresa dati è necessario inserirlo nel quadro RS, a partire dal patrimonio netto al 31.12.2010, escluso l’utile di tale esercizio. Bisogna indicare inoltre l’accantonamento dell’utile 2010, conferimenti di denaro, riduzioni di patrimonio e acquisti di partecipazioni in società controllate e di aziende. Una volta calcolata l’Ace, il 3 % va riportato all'interno del rigo RF50.

Nel quadro RQ, campi Rs44 e Rs45, vi è la maggiorazione dell’Ires del 10,5% per la Robin Tax e le società di comodo in perdita sistematica o non operative che hanno registrato perdite per tre anni consecutivi. Scompare il limite quinquennale di riportabilità. Introdotti, inoltre, un meccanismo premiale per coloro che svolgono un’attività artistica o professionale con forma associativa (art. 5 del Tuir) con fatturato al di sotto dei 5 milioni di euro.

In questo caso è prevista una riduzione del 50% delle sanzioni se si fa ricorso ai sistemi di pagamento tracciati e i soggetti interessati possono esercitare l’opzione attraverso il modello Unico Società di persone, campo Rs43; e la distinzione tra perdite a compensazione integrale e perdite a riporto limitato, in misura non superiore all’80% del reddito imponibile.

Il modello Unico 2012 potrà essere eventualmente integrato attraverso la sezione ‘Dichiarazione integrativa’ se si devono segnalare eventuali cambiamenti in merito alla scelta di utilizzo dell’eccedenza d’imposta risultante dalla dichiarazione.

 
Per scaricare e visualizzare tutte le novità dei modelli Unico 2012 cliccare sul sito dell'Agenzia delle Entrate:


http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/strumenti/modelli/modelli+di+dichiarazione/modelli+unico/indice+modelli+unico

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il