BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Equitalia: proteste e suicidi continuano. Compensazione tasse e costi minori allo studio

Nuovi provvedimenti per allentare le tensioni su Equitalia: cosa prevedono



Imprenditori e lavoratori continuano a suicidarsi oberati da tasse e debiti che non riescono più a sostenere e la situazione peggiora sempre più. Colpa del governo, delle tasse, dei sistemi di riscossione, ecc. Per limitare il continuo crescere delle tensioni intorno ad Equitalia sono allo studio compensazioni e un nuovo taglio degli oneri per i contribuenti che affrontano un contenzioso.

Giovedì il premier, Mario Monti, si recherà in visita all'Agenzia delle Entrate e ad Equitalia e si rivolgerà soprattutto agli 8 mila dipendenti, preoccupati per l'escalation di minacce e aggressioni al Paese, riaffermerà che le tasse vanno pagate e che la lotta all'evasione è un'azione meritoria a vantaggio di tutti i contribuenti onesti.

Tuttavia, per tranquillizzare effettivamente gli uomini di Equitalia, sarebbero più graditi provvedimenti per facilitare i pagamenti arretrati alle imprese fornitrici della pubblica amministrazione attraverso la certificazione degli stessi e la possibilità di girarli in banca col meccanismo pro solvendo assistito da una garanzia pubblica, e lo sblocco della possibilità di compensare tra loro cartelle esattoriali, cioè debiti verso Equitalia, e crediti commerciali.

Queste misure, da tempo chieste dalle imprese, soprattutto dalle piccole, sarebbero un segnale concreto per aiutare le aziende strette nella morsa della crisi. Il premier potrebbe, inoltre, anche accelerare sulla delega fiscale, che prescrive il taglio degli oneri per i contribuenti che vanno in contenzioso col Fisco.

Prima del ricorso si pagherà solo un terzo della pretesa tributaria, ma non più le sanzioni e gli interessi. Da Equitalia, infatti, dicono: “Noi applichiamo solamente le leggi, non appena queste saranno modificate, ci comporteremo di conseguenza”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il