Immigrazione: flussi 2012 bloccati. Solo stagionali. C'è troppa disoccupazione

Cancellieri: “Stop agli immigrati in Italia. Pensiamo solo agli stagionali”



L’Italia è in crisi, i flussi migratori sono troppi e così il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, ha deciso di dire stop agli ingressi degli stranieri nel Paese. “Stiamo valutando con il ministro del Lavoro se aprire un nuovo decreto flussi, ma la situazione economica è drammatica.

Non abbiamo molta offerta di occupazione. Gli immigrati che ci sono nel Paese sono più che sufficienti per assorbire l'offerta di lavoro. Diverso il discorso sugli stagionali: per loro abbiamo fatto il decreto perché siamo sicuri che il mercato li assorbirà”. L’obiettivo è risolvere il problema dell'immigrazione clandestina entro la fine dell'anno e il ministro Cancellieri ha detto “O i migranti diventeranno indipendenti o saranno rimpatriati”.

La posizione del ministro dell'Interno arriva a pochi giorni dall'allarme lanciato dal governo di Tripoli, che parlava di possibili nuove ondate di immigrati dalle coste della Libia. E proprio degli sbarchi dal Nord Africa ha parlato la Cancellieri: “Nel corso del 2012 il flusso migratorio dalla Libia e dalla Tunisia si è ridotto notevolmente: 1.056 sono stati gli immigrati arrivati nel nostro Paese durante 23 operazioni di sbarco.

Il livello di attenzione del governo resta comunque sempre alto ed è costante l’impegno volto alla ricerca di strumenti efficaci di contrasto all’immigrazione illegale”.

Sottolineando come la polizia di frontiera abbia svolto le attività di rimpatrio ‘sempre con molto scrupolo e con correttezza, nel rispetto delle regole anche internazionali di condotta’, il ministro si è soffermata anche sulla questione Libia: “Lì si fermano molti migranti: il flusso verso le nostre coste potrebbe tornare molto intenso e questo ci metterebbe in grande difficoltà”.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il