BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Migliori fondi obbligazionari 2012 secondo Morningstar

I migliori obbligazionari 2012: quali sono



Investire in fondi obbligazionari quanto rende e quali sono i migliori oggi? Innanzitutto è necessario chiarire che i fondi comuni obbligazionari investono in titoli di stato e obbligazioni private e il rendimento per il risparmiatore è dato dalla differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita.

Il rischio derivante dai fondi comuni obbligazionari e che uno degli emittenti delle obbligazioni acquistate non paghi interessi o rimborsi il capitale, anche se si tratta di un rischio piuttosto remoto.

Esistono anche altri rischi, che dipendono dal tipo di fondo comune obbligazionario acquistato, per esempio, per quelli obbligazionari che investono in titoli a tasso fisso in euro, il rischio è che, con il rialzo dei tassi di interesse, il prezzo delle obbligazioni del fondo scenda e che quindi anche il prezzo delle quote del fondo cali.

In caso di previsione di rialzo dei tassi è meglio, dunque, passare da un fondo obbligazionario che investe in titoli a tasso fisso  ad un fondo obbligazionario che investe in titoli a tasso variabile. Morningstar, leader mondiale del rating per il risparmio gestito, ha individuato i migliori fondi obbligazionari del 2012.

Per assegnare i premi Morningstar ha valutato l’eccellenza nella gestione, il controllo del rischio e la trasparenza delle informazioni al mercato. Risultato, tra gli obbligazionari, i premi sono stati assegnati a iShares Barclays Cap Euro Government Bond 3-5years, come miglior fondo obbligazionario governativo euro, Raiffeisen Obbligazionario Euro Corporate e Raiffeisen Obbligazionario Globale, rispettivamente per gli obbligazionari specializzati in emissioni societarie e globali, AXA WF Euro 5-7 e AXA WF Global High Yield Bonds, rispettivamente per il reddito fisso diversificato euro e i titoli ad alto rendimento. Infine, nella categoria obbligazionaria mercati emergenti il miglior fondo risulta Pictet-Global Emerging Debt.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il