BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pdl: Berlusconi non si ricandida e lancia nuovo partito. Alfano smentisce

Berlusconi: “Escludo una mia ricandidatura a premier”



Delusione e caos nel Pdl dopo l’esito delle elezioni amministrative 2012. Semnra che il partito sia ormai in balia delle onde, avviato alla sbaraglio, ma Silvio Berlusconi esclude la sua ricandidatura a premier e nel rilanciare l'idea della federazione dei moderati, Berlusconi affronta anche la scesa in campo di Luca Cordero di Montezemolo: “L'ho incontrato una sola volta e credo che se scenderà in campo non potrà che stare con i moderati”, e sul futuro del Pdl aggiunge: “Stiamo ragionando su cosa fare.

Il risultato delle elezioni non ci ha sorpreso,  la scelta degli alleati di andare da soli è stato l'errore fondamentale che ha portato al deludente esito del voto per il Pdl. Noi vogliamo cercare di costruire un Ppe italiano, una formazione, una federazione per l'Italia in cui si raccolgano tutti gli italiani che non si riconoscono nella sinistra”.

Il segretario del partito, Angelino Alfano, sul risultato delle amministrative 2012 appena tenutesi ha detto: “C'è un tentativo chiaro di delegittimare il Pdl e di farlo apparire come un partito che non c'è. Noi invece ci siamo”. Secondo Alfano si tratta di “tutta un'operazione di ricostruzione mediatica.

Noi abbiamo subito una battuta d'arresto ma qualcuno cerca di spacciarla per scomparsa. Noi continueremo ad essere in campo. Certo non sta vivendo un momento felice nessun partito”. E poi ha annunciato: “Faremo nei prossimi giorni una comunicazione. E' in via di definizione un qualcosa di chiaro che abbiamo in testa”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il