BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: detrazioni figli prima casa proporzionale all'età. Calcolo per 2012

Come calcolare Imu con detrazioni figli



Si torna a parlare di Imu e a meno di un mese dalla scadenza della prima rata, prevista per il 18 giugno, mentre i comuni discutono per i futuri possibili ritocchi delle aliquote per il saldo previsto per dicembre, si parla ancora di cambiamenti.

Il governo stima un gettito complessivo pari a 21 miliardi di euro, cifra in realtà contestata dai sindaci, attraverso l’Anci, l’associazione degli enti locali, secondo cui, invece, il gettito complessivo potrebbe essere più basso di 2,5 miliardi, cosa che costringerebbe i sindaci ad alzare le aliquote per la seconda rata e per il saldo di dicembre.

Per quanto riguarda le aliquote da applicare, come chiarito dal Tesoro, quella per l’abitazione principale e per le relative pertinenze resta  allo 0,4%; i comuni possono aumentarla o diminuirla sino a 0,2 punti percentuali; potrà oscillare da un minimo di 0,2% ad un massimo di 0,6%.

La prima e la seconda rata in misura ciascuna pari a un terzo dell'imposta calcolata applicando l'aliquota di base e la detrazione da corrispondere rispettivamente entro il 18 giugno e il 17 settembre (il 16 settembre cade di domenica); la terza rata è versata, entro il 17 dicembre, a saldo dell'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno con conguaglio sulle precedenti rate.

Il contribuente può anche effettuare il versamento dell'Imu in due rate: la prima entro il 18 giugno, in misura pari al 50% dell'importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazione; la seconda rata, entro il 17 dicembre, a saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno, con conguaglio sulla prima rata. Per quanto riguarda poi la detrazione di 200 euro per ogni figlio a carico di età inferiore ai 26 anni, è maggiorata di 50 euro a patto che dimori abitualmente e risieda anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale.

La maggiorazione non può superare 400 euro e, quindi, l’importo complessivo della detrazione, 200 euro, e della maggiorazione non può risultare superiore a 600 euro. Sui figli le variabili aumentano parecchio se si considera il limite dell’età (26 anni) e l’effettiva presenza nell’abitazione. Ulteriore novità sulle detrazioni Imu prima casa arriva per le coppie che avranno un figlio quest’anno mentre per chi ne ha già uno che nel 2012 compie 26 anni ci sarà un problema in più.

La detrazione infatti va calcolata in misura proporzionale al periodo in cui persiste il requisito: la proporzione è su base mensile, ma il mese interno si calcola sono fino al 15esimo giorno. Per i nuovi nati vanno calcolati 4,17 euro per ogni mese di vita.
 
 
Autore:

Marcello Tansini 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il