BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fondi pensioni o Tfr: rendimenti dei secondi migliori nel 2011-2012

Nel 2011 il Tfr ha battuto i fondi pensione



I rendimenti dei Tfr hanno avuto la meglio su quelli dei fondi pensione: i rendimenti dei fondi pensione nel 2011 sono stati infatti inferiori alla rivalutazione del Tfr (3,5%), secondo quanto emerge dalla Relazione annuale Covip nella quale si sottolinea l'elevata volatilità dei mercati finanziari nell'anno e i forti ribassi dei corsi azionari e obbligazionari e dei rendimenti dei titoli pubblici.

Secondo presidente della Covip, la commissione di vigilanza sui fondi pensione, Antonio Finocchiaro, “L' elevata volatilità dei mercati finanziari, i forti ribassi dei corsi azionari e obbligazionari privati, la discesa dei rendimenti dei titoli pubblici a breve termine hanno inciso sui risultati delle forme pensionistiche complementari, nella media inferiori alla rivalutazione del Tfr che si è attestata al 3,5% a causa del riacutizzarsi delle pressioni inflazionistiche”.

I fondi pensione negoziali hanno registrato un rendimento dello 0,1% per l'anno mentre i fondi pensione aperti hanno segnato un -2,4% e i Pip (piani pensionistici individuali) un -5,7% per le gestioni unit linked.

Secondo quanto si legge nella Relazione annuale della Covip, in Italia nel 2011 gli iscritti ai fondi pensione erano 5,5 milioni con un aumento del 5% sul 2010 e appena il 24% del totale dei lavoratori interessati.

In lieve flessione i fondi negoziali mentre è il boom per i piani pensionistici individuali (i cosiddetti Pip) che segnano un +25% sul 2010 toccando quota 1,5 milioni e contribuiscono ai 3/4 delle nuove adesioni. Ma, sempre nel 2011, è cresciuto il numero di coloro che hanno deciso di sospendere i versamenti alla previdenza integrativa, a causa della crisi economica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il