BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2012: proroga. Nuove date per presentazioni e pagamenti sono ufficiali

Prorogati i termini di versamento Unico 2012: chi ne beneficia e gli esclusi



Sono stati prorogati dal 18 giugno al 9 luglio 2012 i termini per i versamenti di Irpef, Ires, Irap e Iva per chi presenta il modello Unico 2012 relativo alla dichiarazione dei redditi 2011.

La scadenza del 16 giungo (spostata al 18 in quanto sabato) slitterà, dunque, al 9 luglio, senza la maggiorazione, e dal 10 luglio al 20 agosto con la maggiorazione dello 0,40%. L'articolo unico del decreto prevede la proroga per tutte le persone fisiche tenute al versamento delle imposte entro il 18 giugno e che emergono da Unico 2012, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione unificata, e anche dipendenti e pensionati che non presentano il 730 potranno versare l'Irpef entro il 9 luglio prossimo.

La proroga vale anche per le società di capitali, quelle di persone soggette agli studi di settore e che dichiarano ricavi o compensi non superiori al limite stabilito per ogni studio. La stessa proroga al 9 luglio o al 20 agosto, data che prevede una maggiorazione dello 0, 40%, riguarda i soci delle società di capitali o delle società di persone.

Non rientrano, invece, nei termini di proroga dei versamenti le società escluse dall'applicazione degli studi di settore, cioè quelle con ricavi superiori a 5.163.000 euro. Beneficiano della proroga anche altri versamenti come quelli delle persone fisiche che hanno optato per il regime della cedolare secca, slitta il versamento dell’imposta sul valore degli immobili all’estero, e di chi lo scorso anno ha detenuto attività finanziarie oltreconfine e deve versare l’imposta sul valore di queste.

Slittano anche i termini per i pagamenti a rate delle somme di Unico, per cui quelle posteriori alla prima rata vanno pagate entro il 16 di ogni mese di scadenza per i titolari di partita Iva (Unico 2012 e versamento Iva: le scadenze fiscali di giugno) ed entro la fine di ciascun mese per gli altri contribuenti.

Non dovrebbe esserci alcun differimento, invece, per il versamento della nuova Imu, tranne per i recenti terremotati dell’Emilia Romagna per cui il premier Mario Monti ha stabilito la sospensione dei versamenti fiscali, tra cui quelli relativi alla nuova tassa sul mattone.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il