BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti a zero spese dal 1 giugno 2012: condizioni e beneficiari. Non solo pensionati

I nuovi conti base per le fasce più deboli: come funzionano



Arrivano nuovi conti correnti a zero spese non solo per i pensionati: entra infatti in vigore a partire dal primo giugno il nuovo conto corrente base gratis riservato alle categorie sociali svantaggiate, cioè coloro che hanno un Isee, Indicatore della situazione economica, fino a 7.500 euro all’anno, e ai pensionati con rendita fino a 1.500 euro al mese.

Nonostante dubbi e preoccupazioni su un possibile ritardo di entrata in vigore di questo nuovo strumento, le banche rassicurano sostenendo che i nuovi conti base ci sono  e le Poste, addirittura, ne avrebbero pronte quattro versioni.

Saranno principalmente due i conti base, Conto A e Conto B: il primo è quello di base del tutto gratuito per chi ha un’Isee fino a 7.500 euro, mentre il secondo è quello gratuito per i pensionati fino a 1.500 euro al mese. C’è poi una terza possibilità: il Conto A a pagamento.

Il deposito di base gratis può essere scelto, infatti, anche da chi non è nella fascia svantaggiata, a patto che paghi il bollo (34,20 euro) e un canone annuo minimo, di cui però ancora non si conosce la cifra anche se per certo si sa che dovrebbe essere certamente inferiore a quello dei conti tradizionali.

I tre conti base in arrivo hanno due caratteristiche: rendimento zero e limitata operatività. I titolari di questi conti non potranno andare in rosso; avere un conto titoli collegato; avere il libretto degli assegni, ma potranno quando vorranno prelevare, incassare, ritirare soldi gratuitamente anche ai Bancomat di banche diverse dalla propria, operazione disponibile solo con il Conto A e non prevista dal Conto B, che prevede anche il pagamento di tutti i bonifici effettuati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il