BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Terremoto Emilia Romagna: i danni. Oggi misure Governo Monti tra cui aumento benzina

Misure governo per le zone colpite dal terremoto: cosa prevederanno



L’Emilia Romagna continua a tremare e sale il numero delle vittime, dopo le prime sette di qualche giorno fa quando la terra al Nord ha iniziato ad agitarsi. La Bassa modenese, dopo nove giorni, è di nuovo ferita da una serie di scosse violentissime che hanno provocato danni a case ed aziende.

Il bilancio è di 16 morti,  e un disperso. Mirandola, Medolla, Cavezzo, Finale Emilia, San Felice sul Panaro i paesi più vicini all’epicentro, contano i danni e piangono i propri figli. Molti dei quali caduti mentre stavano lavorando. Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, ha provato a rassicurare: “Tutto sarà ricostruito, come già detto da Monti, e la nostra Regione non sarà lasciata sola”.

Le prime stime arrivano dal settore agroalimentare: la Coldiretti valuta un danno di mezzo miliardo. L'associazione ha valutato i nuovi crolli e lesioni di case, stalle, edifici rurali. Secondo la Coldiretti, altri 550.000 pezzi tra forme di grana e parmigiano, in aggiunta ai 500.000 già colpiti dalla scossa del 20 maggio scorso, sono stati danneggiati dalla nuova scossa sismica. 

Secondo Coldiretti, è stato colpito il 10% della produzione annua di due dei formaggi più popolari e diffusi del made in Italy, e la metà di questo 10% viene considerata non più recuperabile in alcun modo.

Scatta, dunque, per l’Emilia Romagna un nuovo piano di emergenza: dopo la convocazione d'urgenza decisa dal premier, Mario Monti, oggi il Consiglio dei ministri indicherà le misure più corpose da destinare all'Emilia-Romagna.

Tra le ipotesi per reperire fondi a favore delle popolazioni colpite dal terremoto c'è anche quella di un mini-aumento dell'accisa sulla benzina e secondo le prime stime si parla di un aumento pari a 2,5-3 centesimi. L'intervento sulla benzina è già previsto dalla legge di riforma della Protezione civile e da quella sulle semplificazioni fiscali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il