BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: pensione per tutti. Modifiche Decreto Fornero da Commissione Lavoro

Commissione Lavoro e sindacati insieme per una soluzione per tutti gli esodati: il piano



La commissione Lavoro della Camera, d’intesa con i sindacati, è al lavoro per studiare una soluzione per rispondere al problema di tutti gli esodati, e non solo per i 65mila salvaguardati dal decreto che, stando alle indicazioni del ministro Fornero, dovrebbe essere pubblicato a giorni.

Il ministro Elsa Fornero, infatti, continua a sostenere l’arrivo di un decreto ad hoc per gli esodati entro inizio giugno, ma solo per una platea di 65mila persone e ribadisce “Prima il decreto per salvaguardare i 65mila, poi confronto con parti sociali per risolvere i problemi degli altri”.

Ma Silvano Moffa, presidente della commissione Lavoro di Montecitorio, ha ricevuto Susanna Camusso e Raffaele Bonanni per individuare insieme a tutta la commissione i principi generali cui dovrà ispirarsi il provvedimento che dovrà trovare ‘una soluzione per tutti gli esodati’.

Il principio base da cui si intende partire è quello di tutelare tutti gli esodati, individuando non tanto i numeri quanto le tipologie. Già ieri il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua, aveva chiesto di “trovare una soluzione per tutti, non solo per i 65.000 individuati dall'esecutivo. Nei processi di transizione chi è colto a metà del suo passaggio personale non può e non deve essere dimenticato o trascurato”, dice ancora Mastrapasqua.

“Deve essere assistito e garantito nei suoi diritti soggettivi. Deve essere assicurato il dovuto sostegno: è un atto di giustizia, di legalità e di democrazia”. In risposta al piano del ministro, la leader della Cgil, Susanna Camusso, ha sostenuto che “La soluzione in due tempi non esiste, è il simbolo del disprezzo delle persone.

Ed è inutile che il ministro continui a immaginare un contesto in cui ci siano altre soluzioni che non quella previdenziale”. Per il leader della Uil, Luigi Angeletti, “il governo deve impegnare se stesso e il parlamento a trovare le risorse necessarie a garantire questo diritto”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il