BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2012: rimborsi si possono avere in busta paga o pensione. Date pagamenti e regole

Come ottenere il rimborso crediti con modello 730



I lavoratori dipendenti e i pensionati che presentano il modello 730 2012 hanno la possibilità di recuperare i crediti Irpef nella busta paga di luglio, di agosto e settembre, o pagare le imposte a saldo e acconto dovute, anche a rate.

Il modello 730 permette, dunque, di poter recuperare i crediti risultanti dalla dichiarazione o anche di poter pagare le imposte ancora dovute a rate direttamente in busta paga o rata di pensione avvalendosi del proprio sostituto d’imposta, cioè il datore di lavoro per i lavoratori dipendenti o l’ente pensionistico per i pensionati.

Il sostituto d’imposta, datore di lavoro o ente pensionistico (es. Inps, ex Inpdap) sarà obbligato dalla legge ad effettuare i conguagli fiscali prendendo in considerazione le risultanze contabili del modello 730-3, se hanno prestato direttamente assistenza fiscale ai propri dipendenti o pensionati o le risultanze del modello 730-4 che sono stati trasmessi loro dall’Agenzia delle Entrate entro un massimo di 10 giorni dalla ricezione delle trasmissioni effettuate dai Caf (Centri di assistenza fiscale) o dai professionisti abilitati (Consulenti del lavoro, Commercialisti, Ragionieri).

Sulla base dei modelli 730-4 ricevuti, o dei propri modelli 730-3 col prospetto di liquidazione relativo all’assistenza fiscale prestata direttamente, il datore di lavoro provvede ad eseguire i conguagli fiscali sulle retribuzioni di competenza del mese di luglio e quindi ad accreditare al dipendente le risultanze a credito oppure addebitare allo stesso le ulteriori imposte da pagare risultanti dal modello 730 appena presentato.

Nel caso dei rimborsi dei crediti risultanti dalle dichiarazioni fiscali dei lavoratori, di fatto il sostituto d’imposta deve restituire al lavoratore, per conto dell’Agenzia delle entrate, questi crediti d’imposta. E’ possibile per il datore di lavoro compensare le imposte trattenute ai lavoratori (che sarebbero da versare in f24) con i crediti da erogare ai lavoratori stessi (da accreditare loro in busta paga), e quindi effettuare un versamento in F24 della differenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il