BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu multe se non si paga o si ritarda presentazione F24

Sanzioni irrisorie per chi paga in ritardo



Mancano ormai solo due settimane all’appuntamento con il pagamento della prima rata della nuova tassa sulla casa che si pagherà con l’acconto che bisognerà versare il 18 giugno.

Per il saldo del 2012, la scadenza è fissata al 17 dicembre 2012. L'Imu per l'abitazione principale (e pertinenze) si potrà pagare anche in tre rate, di cui il 33% entro il 18 giugno 2012, il 33% entro il 17 settembre 2012 e il saldo con l'eventuale conguaglio si dovrà versare entro il 17 dicembre 2012. Ma si può anche decidere di pagare l’Imu in due rate.

La rateizzazione vale però solo per i possessori di prima casa. Pagare in due o tre rate sarà a discrezione del contribuente, ma sarà un’opzione valida solo per questo 2012. Dal 2013, infatti, il calendario tornerà a essere scandito nelle consuete due date di giugno e dicembre.

Inoltre, il primo pagamento Imu si effettuerà con l’acconto di giugno che sarà calcolato con le aliquote di base e la detrazione già fissata per la prima abitazione. Fino poi al prossimo mese di dicembre, poi, i Comuni avranno facoltà di decidere le loro variazioni che possono essere il 2 per mille in più o in meno per la prima casa (quindi dal 2 al 6 per mille) e il 3 per mille in più o in meno sugli altri immobili (per i quali l'Imu può variare, dunque, da un minimo dello 0,46% al massimo dell'1,06%).

Ma cosa potrebbe succedere se non si pagasse l’Imu o se si ritardasse a presentare il modello F24? Secondo una simulazione effettuata dalla Cgia di Mestre, le sanzioni che i contribuenti dovranno fronteggiare per il pagamento la rata in ritardo sono decisamente irrisorie.

Considerando il caso di un proprietario di abitazione principale, che entro il 18 giugno non riuscirà a effettuare il pagamento della prima rata di 50 euro, il pagamento delle sanzioni e degli interessi sarà pari a circa 1,60 euro aggiuntivi nell’ipotesi in cui il pagamento tardivo avvenga entro 30 giorni dalla scadenza originaria. Chi invece sceglie di pagare oltre il trentesimo giorno pagherà una maggiorazione di circa 3,13 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il